Le Storie 2018 - Io Non Sclero

Le storie

Il grazie di Lox

Il mio grazie va a mia mamma e ai miei figli

Il grazie di Alice

Grazie a mio marito che mi sta sempre accanto e ai miei Coaches, Valentina e Marco, che il 2 giugno scorso mi hanno permesso di coronare un sogno. Con loro al mio fianco, un ostacolo dietro l’altro, sono riuscita a concludere la Spartan Race di Campi Bisenzio senza esternare la mia patologia e facendo gli ostacoli che hanno fatto tutti gli altri concorrenti. È stata un’emozione unica e bellissima. GRAZIE

Il grazie di DanielaTArtista

La nascita di Valibel è stata la mia salvezza. Quando aveva 3anni mi è venuta la neurite al nervo ottico sinistro e ogni mattina mi svegliavo con l’incubo che la vista mi sparisse anche dall’altro occhio e non potessi più guardarla. Questo mi ha dato una forza prorompente anche se ancora non sapevo esattamente cosa avevo.Ho continuato a viaggiare in ogni posto dove l’opportunità si presentava. Il periodo più bello della mia vita è stato quando avevo 40anni: finalmente mi sentivo una bella donna intelligente, apprezzata con una bella famiglia, una bella casa in campagna e un lavoro che amavo… Grazie a questo, alle cure adeguate prescritte dai neurologi, alla mia testardaggine nel voler superare gli ostacoli, agli amici meravigliosi unici e rari, al mare “dentro”, a mia mamma, i miei fratelli ed i miei animali e all’arte sono riuscita a “vincere” sulla sclerosi multipla e su tante altre difficoltà ad essa collegate… Quindi ringrazio tutti loro e l’arte per avermi aiutato a vincerla!

Il grazie di Nonna Mary

Grazie a mio nipote Jacopo: la mia terapia. Perché quando ho voglia di mollare tutto, lui mi abbraccia mi sorride: «Nonnaaaaa! Pronti, partenza, viaaaaaa» Lei è forte, ma io di più

Il grazie di Cate

Il mio grazie va a mia madre che da circa un anno ha abbandonato la sua vita per potermi accudire. In poco tempo abbiamo visto le nostre vite cambiare, la malattia mi ha completamente paralizzata dopo soli 2 anni dalla diagnosi. La mia famiglia mi ha appoggiata sulle nuove difficoltà accettando assieme d iniziare un percorso lungo e difficile…Il trapianto di cellule staminali. Ho fatto il trapianto c.a 2 mesi fa a Genova dove sono stata seguita da veri professionisti. È stata dura ma dopo mesi che muovevo soltanto il braccio sinistro inizia una nuova vita. Ho avuto la possibilità tramite l’AISM di poter iniziare la riabilitazione a Genova che, tra alti e bassi, sto continuando in ospedale a Vipiteno… In questa fase sono tanti forse troppi gli ostacoli (trombosi,ecc). Poi, nella sfortuna di non riuscire ancora a muovermi e ad essere autonoma, ringrazio tutte le persone che ogni giorno con un messaggio o una chiamata mi sono accanto. Ringrazio perché molte persone non hanno la possibilità di provarci e di poter dire ho lottato. Io ogni giorno, nel mio piccolo, lotto. Spero che dopo questi mesi bui arrivi finalmente anche per me e la mia famiglia il tanto atteso sole.

Il grazie di cumetto

Il mio grazie va ai miei grandi amori: mio marito e mio figlio senza i quali la mia vita non avrebbe senso.

Il grazie di Manubella

Il mio Grazie è per chi amo, le mie figlie adolescenti che non mi permettono di essere debole, al mio compagno che anche lui vive con la Stronza Maledetta, ma che quando siamo insieme ci fa dimenticare di lei perché siamo occupati a riempirci di Noi, di bello, di musica, di viaggi e di coccole sul letto quando il corpo è troppo stanco per uscire con gli amici. GRAZIE a chi mi ha insegnato ad essere resiliente perché nonostante la diagnosi ho scelto l’Amore vero terminando un matrimonio che non ne aveva; perché nonostante la fatica dopo mille rinunce sono riuscita orgogliosamente a lavorare facendo ciò per cui mi sono laureata; perché sono una donna che fa volontariato per chi come me vive con la sclerosi multipla. Grazie alla Vita perché nonostante la Sclerosi Multipla, subdola e imprevedibile, mi permette di assaporare la Felicità che riempie il cuore e dà un senso a tutto anche alla fatica!

Il grazie di OliverBass

Il mio grazie è per tutte quelle persone che mi sono vicine (parenti, amici, dottori…e la musica…) ma soprattutto , le mie figlie! La piccola, di otto anni, dice che sono anziano” e la cosa mi fa molto ridere e la grande di 22 anni mi aiuta molto fisicamente e moralmente. Ero a pezzi… Ma grazie a loro, mi sento meglio… Livio

Il grazie di Spongj

Il mio grazie va a mio marito che, nonostante le difficoltà che incontriamo ogni giorno, mi sostiene mentre combatto a mani nude una malattia che mi ha tolto tutto quello che credevo importante… Però mi ha dato tanto, mi ha mostrato cosa e CHI resta durante il buoi della tempesta più nera, mentre vieni devastato da questa malattia. Mi ha dato la tenacia di combattere e la forza di alzarmi tutti i giorni per essere una donna, una madre e una moglie migliore.

Il grazie di Robi

Il mio grazie va a Antonio, Lucia, Giuliano, Giuseppina… E a tutte le altre persone che quotidianamente mi danno la carica per continuare, con amore, a fare il mio lavoro! Love all you!

Il grazie di Francy92

Sono Francesca e ho 26 anni. Il mio grazie è per il mio compagno Nicola. Ci siamo conosciuti a novembre 2016. A Dicembre l’esordio e da lì a poco la diagnosi. Il giorno dopo mi chiese di andare a vivere insieme e scegliendo di vivere con me, ha scelto anche lei. Non hai MAI lasciato la mia mano, mi ha permesso di “cadere”, ma mai di rimanere a terra. Lui ogni giorno mi dà la voglia e la grinta per combattere. SEMPRE. Il mio grazie è per l’amore della mia vita. Per lui, che dà senso ai miei giorni

Il grazie di Navajo

Il mio grazie è per me stesso che ho la forza di andare avanti con alti e bassi e la forza la trovo in mio figlio….

Il grazie di rosalia

10 giugno 1995. Appena 30enne due bellissimi bimbi e arriva LEI. Dopo dieci ore di pianto, mi sono alzata, truccata, tornata a casa e mi sono detta: «voglio vivere e lasciar vivere». Ho continuato a fare la mamma, la moglie e la figlia, a sognare, a lavorare, a viaggiare e sopratutto a stare bene… 23 anni di convivenza con la SM e non sentirli… Capita anche questo. Adesso i miei bimbi sono un medico e un farmacista. Grazie a Giu e Flo Ho

Il grazie di Saby85

Il mio grazie va alla mia famiglia che mi ha sempre supportato e sopportato in questi 19 anni di SM… E un grazie grandissimo va a mio marito che, in questo caso, ringraziando la SM ci siamo incontrati per la prima volta in ospedale e alla fine ci siamo sposati… 🙂 🙂 Grazie a tutti e ricordatevi che essere malati non è sinonimo di inferiorità, anzi….E comunque se a qualcuno può interessare per il mio matrimonio un giornale locale ha scritto un’articolo:”pizzoferrato:celebrato l’amore senza barriere, vince la vita”:-) 🙂 <3

Il grazie di Rbybiba

Ringrazio la famiglia che ho scelto di avere: marito, polpetta, genitori, fratello, amici, colleghi, zii, cugini… Nei loro occhi trovo la forza lottare e sorridere. Con loro scelgo di lottare e di spostare più in là il limite che la sclerosi vorrebbe impormi. Non mi fermo e non lo farò mai… Continuerò ad andare a mille e a travolgervi con le mie idee folli. Siete il colore della mia vita. Vi voglio bene e continuerò a scegliervi ogni giorno.

Il grazie di Ivy

Il mio grazie va in primis a mio zio… Claudio, affetto da SM dagli anni 70, che ora non c’è più. Con il suo grande coraggio e tanta tenerezza, mi ha fatto conoscere la SM ancora da bambina senza averne paura. Oggi invece ,oltre a mio marito e alle mie figlie ,voglio ringraziare una persona specialissima (e lo dicono in tanti per svariati motivi): la mia sorellina Linda che non mi “molla mai”. Mi sprona sempre (insieme abbiamo fatto la Maratona di NY), mi coccola, mi ascolta, mi controlla…fisicamente! È laureata in scienze motorie e prossima ad una seconda laurea…”attività motoria preventiva ed adattata”. É più piccola di me, ma è grande, immensa ed io sono orgogliosa che sia così!

Il grazie di Raf

Grazie a te che sei entrato subito dopo la mia diagnosi. A te che mi supporti in tutto cercando di non farmi mancare nulla e nel farmi sentire normale… Io ti chiamo “mio angelo”… Grazie, grazie ancora… Io con te non mi sento sola. Sei speciale, perché hai fatto sì che non pensassi a lei facendomi sopraffare dallo sconforto. Io oggi sono fiera di me stessa grazie a te… M… GRAZIE MILLE!!!

Il grazie di Jonraf

Il mio grazie va ai miei figli, l’amore più grande della mia vita. Grazie a loro e il grande amore che hanno per me. Grazie anche a Sofia, il mio regalo più bello è essere diventata nonna. Grazie alla voglia di portarla in giro appoggiandomi al suo passeggino, combatto ogni giorno contro me stessa e la mia peggiore amica, la Sclerosi multipla. Anche se ogni giorno mi toglie un pezzo del mio stare in piedi, io testarda più di lei, zoppico ma non mi arrendo. Combatterò fino al mio ultimo respiro perchè io ho un interesse: la mia famiglia

Il grazie di Ale2409

Dopo anni di sofferenze, ad ottobre 2016, ho scoperto di avere la sclerosi multipla. Esattamente ed inaspettatamente dopo averlo desiderato con tutte le mie forze e lottato contro un altro mostro – l’endometriosi – per undici lunghissimi anni, tre mesi dopo la diagnosi, il 24 gennaio, ho scoperto di aspettare mio figlio. A lui va il mio grazie. Grazie amore di mamma per tutte le volte in cui penso di non farcela, poi, grazie a te ce la faccio sempre. Per le carezze del mattino e le coccole della sera. Ma soprattutto grazie per avermi ridato la vita. Grazie a Dio per questo splendido miracolo. Grazie a mio marito per non avermi mai abbandonata. Ai miei genitori per non avermi mai lasciata sola. Senza la mia famiglia non potrei sopportare il peso che porto nel cuore da quando mi è stato detto: «Signora lei ha la sclerosi multipla!» Con il loro amore posso affrontare tutto. Grazie con tutto il mio cuore. Grazie!

Il grazie di Miriam

Il mio grazie va a Gerardo che nonostante la malattia, nonostante abbia dovuto rinunciare alla sua vita agiata, nonostante tutto gli sia crollato addosso ha ancora voglia di lottare dandomi la forza di andare avanti…La malattia fisica è sua, ma quella mentale è mia… La nostra cura è una bimba dolce di 8 mesi… Senza di lei sarebbe tutto più difficile…Quindi un doppio grazie ai miei due amori!

Il grazie di Nocciolina

Grazie a te che sei il mio tutto, la mia metà, il mio mondo! Grazie per essere sempre presente e che nonostante le difficoltà mi hai fatto crescere ancora di più, diventare un po’ più forte, mi hai fatto aprire di più gli occhi e dare una svolta alla mia vita che nemmeno immaginavo. Grazie perché nonostante la tua cattiveria, sono più fortunata di te che al mio fianco ho un uomo stupendo che prova a capire te, ma soprattutto comprende me con i miei limiti e con i miei pensieri. No, non ti dico grazie sm!! Mi hai stravolto la vita. Ma dico un mega grazie a tutte le persone che mi sono vicine e condividono con me tutto, ma soprattutto grazie a me stessa e alla mia forza di volontà che a volte vacilla, ma non mi ha ancora fatto cadere! Fai parte di me, ma io non mi faccio sottomettere!

Il grazie di annalisa.ab

Il mio grazie è per tutte le famiglie con i bambini ricoverati al Gaslini di Genova che con il loro esempio di coraggio mi stanno insegnando cosa é la forza dell’Amore…Non sono io che la do a loro come volontaria, ma Loro a me…Una forza di andare avanti nonostante

Il grazie di Salvamoda

Il mio grazie va al mio grande amore Adriana. Ti amo

Il grazie di Antonellina

Il mio grazie lo dedico al mio grande amore Gianpiero, ai miei figli Gianni e Silvia che mi danno la forza di andare avanti e in particolare alla mia grande amica Sonia che ha saputo darmi forza sin dall’inizio e che mi trascina in palestra anche quando non credo di farcela. Grazie.

Il grazie di Angelique

Il mio grazie va a una persona speciale, incontrata per caso, nel meraviglioso mondo della sclerosi multipla… Sì, sì meraviglioso, perché mi ha dato la possibilità di re-innamorarmi come una bambina. Facendomi sentire viva e con la voglia di ricominciare anche ad amare me stessa. Quindi il mio grazie va a te, che sei diventato anche se solo per poco, la mia più bella favola d’amore!

Il grazie di Monia.i

Grazie al mio cuore che batte fuori di me: mio figlio Gabriele che quando c’è o quando non c’è mi dà l’energia necessaria per continuare a sognare.

Il grazie di Vale

Il mio grazie è per mio marito. Perchè poteva andar via, quando ho avuto la diagnosi, ed invece è rimasto. E c’è, sempre, incondizionatamente, per ridere o piangere, per abbracciarmi e rimproverarmi. Per uscire a cena o per imboccarmi. Per camminare accanto a me per strada o per accompagnarmi in bagno. C’è per nostra figlia quando io sono out, senza farmelo nemmeno notare. C’è perché ha scelto di esserci. C’è perché mi ama, nonostante la SM è tutti i problemi che ci porta. Ed insieme, noi due, siamo invincibili.

Il grazie di Miky

Il mio Grazie va me stessa e a quella che sono diventata da quando ho scoperto di avere la SM. Lo devo a me stessa perché se sono serena, io è sereno chi mi sta accanto… La mia vita è cambiata perché ho saputo fare della mia malattia una forza,anche se ogni tanto ci sono le ricadute… Ma anche dalle ricadute ho trovato il lato positivo, perché la prendo come scusa per staccare un attimo la spina, pensare a quante cose devo fare ancora con i miei bimbi e ricominciare a lottare a testa alta… Io ho sempre basato la mia vita sulla storia di Pollyanna perché lei trovava sempre il lato positivo in tutte le situazioni, anche in quelle brutte… La SM mi ha fatto capire quanta forza esiste in me per vivere la vita e soprattutto me la sono fatta amica perché non voglio compassione dagli altri… Ho trovato lavoro, ma soprattutto ho scoperto di avere stima per me stessa perché io sono forte… Chi si ferma è perduto gente

Il grazie di Dany78

Il mio grazie va all’amore della mia vita, il mio tutto. Da quando sto con te la mia vita è migliorata: mi dai tanta forza, anche quando non ce la faccio, ma tu sei lì ad aiutarmi e a non farmi mancare niente. Stare con me non è facile, ma tu sei sempre lì accanto a me… Grazie a mia moglie, alla mia guerriera: Valeria ti amo tantissimo

Il grazie di Saraemy

Ringrazio mio marito, i miei figli, mia nonna e mia madre per ogni giorno che mi aiutano ad alzarmi da questo letto. Senza di loro sicuramente sarei bloccata qui a guardare i muri. Mi danno la forza anche se ne è rimasta poca, andare avanti è diventato difficile, ma mi smuovo! La foto è con mia figlia perchè è da 8 anni che mi aiuta con le medicine: già così piccola all’età di 4 anni mi preparava le medicine. Ora ne ha 11 e cerca sempre di fare il suo meglio: mi aiuta con il fratellino, gli sta dietro come una mamma da sempre. Quando non riuscivo ad occuparmi di lui c’era lei.

Il grazie di Dalila92

Ad un anno dalla diagnosi, un grazie fra i tanti, va a colei che ogni giorno mi fa rimanere in equilibrio: la danza. Da bambina non riuscivo a capire perchè la danza richiedesse così tanta disciplina, ore di duro lavoro e sudore. Passo dopo passo, la danza mi ha insegnato ad essere una guerriera nella vita. Lei, silenziosamente, per tutti questi anni mi ha preparata per la mia sfida più grande: la SM. Quando hai 25 anni credi stupidamente di essere invincibile e scoprire di avere una malattia neurodegenerativa cambia tutte le carte in gioco. Io, invece, ho scelto di non cambiare nulla. Nonostante le mille difficoltà della mia nuova vita, la paura di quello che sarà, la stanchezza infinita, le braccia e le gambe pesanti, ogni giorno io mi sveglio,sorrido, indosso le mie scarpette e danzo. La danza allena il mio corpo a superare la mia soglia di stanchezza fisica e mentale, a recuperare l’energia che la SM mi risucchia. Ballare mi ricorda che non c’è tempo da sprecare con troppi «no, non ce la faccio,sono stanca» perchè quando hai provato sulla tua pelle quella scossa e all’improvviso hai scoperto la paura di non sentire più il tuo corpo, allora ogni movimento anche il più insignificante, è un dono. Grazie alla danza e alla SM perchè mi hanno insegnato che non esistono sfide impossibili, ma solo battaglie più difficili. E se un giorno mi ricapitasse di non vedere più o di perdere la sensibilità del mio corpo? No,non voglio pensarci. É tempo di vivere, ballare e SMuovere l’anima. Oggi.

Il grazie di PeterBanning

Eliana, due cuori e una flebo. Grazie per aver reso la patologia un occasione per sorridere. Ti amo

Il grazie di Pino

Il mio grazie è tutto per Pino

Il grazie di Angy

Da quando la SM è entrata nella mia vita sono cambiate molte cose, anche in positivo: perché s’impara a vedere le cose con altre prospettive, con occhi nuovi, con maggiore consapevolezza e allo stesso tempo ogni traguardo vale molto di più. Il mio Grazie va in modo particolare alla mia famiglia e a mio marito Fabio che mi sono sempre stati vicino e continuano a farlo, ma anche al mio lavoro. Un lavoro con un po’ di fatica, ma se fatto con passione aiuta molto e il poterlo continuare a svolgere dà soddisfazioni.

Il grazie di 00babi00

Il mio grazie va a me che mi sentivo una debole, una senza coraggio, una fifona, ma che non mi arrendo mai. Non mi arrendo alle gambe affaticate, che con dolore le alleno, che faccio il piantino prima dell’iniezione, ma la faccio comunque, che sopporto silente gli effetti collaterali della terapia. Combatto dal giorno in cui su Google ho cercato i miei sintomi ed ho scoperto la mia diagnosi, confermata quindici giorni dopo in ospedale. Combatto per mantenermi lucida e razionale quando delle volte vorrei fermarmi in mezzo alla gente ed urlare la rabbia che sento, ma tengo sempre fissa in mente una cosa: avrò una vita faticosamente normale. Ognuno nella vita ha le sue difficoltà e problematiche ed io ho le mie, che tengo gelosamente custodite. Mi stampo un bel sorriso in faccia e vado avanti!

Il grazie di ICIO

Grazie a Ilde e Nello perchè nonostante i miei 53 anni, sono sempre il loro “bambino”. Al mio dottore Angelo e alla farmacista Pierangela: senza di loro cosa farei? A Dario, compagno di banco e amico speciale che, insieme ad Adriana, trova sempre “nuove strade” da farmi percorrere! A Giada e Barbara, le mie fisioterapiste. A Mafalda che trova sempre “le mie vene”! A Paolo, Sergio, Anna, Emilio, Massimo, Cristian, colleghi attenti e premurosi. Ai miei amici che sono sempre pronti ad aiutarmi: grazie a Gabriella che “veglia” dall’alto, Angelo, Elena e Claudio, Federico, Riccardo, Marco, Chiara, Paola, Angela e Felice, Ugo, Riccardo e Rita, Paolo e Silvia, Cristina e Luigi, Laura, Daniele e Betta, Riccardo e Susanna. Grazie a tutti quelli che incrociando il mio “cammino” sono stati di sostegno e d’aiuto. A don Enrico e Norberto che “semplificano e incoraggiano” la comunicazione con il “Signore”, mia roccia e mia forza! Grazie a te, amore mio, “supereroe” della mia vita, la quale non sarebbe così intensa senza di te!

Il grazie di Pierry

Il mio grazie va sicuramente alla mia famiglia che non mi ha mai lasciata sola. Va a Maria Cristina amica da una vita, la cui presenza nella mia vita risulta essere fondamentale. Va ad Anna, amica in lontananza e con cui, nonostante ciò, riusciamo a sostenerci a vicenda. Ma soprattutto il mio grazie va a lei, la mia compagna di viaggio ormai da 18 anni, la SM. All’inizio di questo cammino non avrei mai immaginato fosse possibile di poterla ringraziare. Sì, grazie a lei mi sento una persona migliore, vivo i miei giorni nella consapevolezza che non tutto ci è dovuto, vivo con la gratitudine nel cuore per tutto ciò che ho, per le piccole e grandi cose, per i piccoli e grandi traguardi raggiunti. La SM si è rilevata una compagna di viaggio sì impegnativa, ma grazie a lei sono la persona che sono, con la voglia di vivere, di affrontare a testa alta tutto ciò che arriva, ma soprattutto sempre con il sorriso sulle labbra e nel cuore.

Il grazie di Solare

Esistono due categorie di grazie. Il primo grazie va a tutti coloro – gruppo ristretto, ma preziosissimo – che mi hanno concretamente aiutata, supportata, consolata, accompagnata dal momento della diagnosi in poi. La persona in testa fra tutte si chiama Anna, voglio citare solo lei, perchè è stata ed è speciale senza per questo dimenticare gli altri. Poi esiste un grazie più profondo: lo rivolgo a Dio. Non perchè penso che mi abbia mandato questo fardello, ma perchè credo fermamente che sia Lui a darmi una forza ed una serenità che mi erano sconosciute. Grazie alla malattia che mi ha aperto nuovi orizzonti, una capacità sorprendente di guardare ed assaporare la vita, di aprirmi a possibilità finora sconosciute per sentirmi viva e vitale, di riconoscere l’amore gratuito delle persone e di ignorare la falsità e l’indifferenza di altre. Con la SM si vive, non si convive solamente! Anzi, si vive più intensamente tutto: ogni sorriso dato e ricevuto, ogni movimento del corpo, ogni passeggiata, ogni sfumatura del colore del cielo, ogni novià della giornata. Grazie al mio maestro di QI-GONG che mi ha insegnato come armonizzare corpo e mente. Senza la malattia, però, sarei rimasta nell’ignoranza di chi non conosce questa disciplina meravigliosa! Grazie a questa vita potente che non si ferma nemmeno quando si fermano le tue gambe!

Il grazie di Jejy91

Il mio grazie ha un solo nome: Ginevra. Nata un anno fa quando la sclerosi era a farmi compagnia già da 2 anni… Lei è stata la mia forza e lo è tuttora… Quando sento il mondo crollarmi addosso guardo i suoi occhi e il suo sorriso, mi stringo forte a lei e torno sempre più forte di prima. GRAZIE AMORE DI MAMMA!!!!

Il grazie di Fufa

Il mio grazie va a tante persone: devo un grazie in primis ai miei 3 figli che con i loro sorrisi ed il loro affetto mi spingono ad andare avanti. Al loro papà che è sempre al mio fianco. A Monica, la mia amica, che con la sua capacità di persuasione e professionalità mi spinge giornalmente a rafforzare: muscoli, equilibrio e autostima… E per ultimi, ma non per importanza, i miei genitori che con il loro esempio mi hanno insegnato che la vita è bella ed è un peccato non viverla a pieno, i fratelli, gli amici, gli zii e cugini: ognuno mi arricchisce di affetto e presenza. Quindi un grosso grazie a tutti

Il grazie di Flavy664

Il mio grazie va a mio figlio e al mio compagno che mi sostengono in tutto!

Il grazie di paola83

Il mio grazie è per te. Io non sclero perchè non vince lei, perchè tutti i giorni mi sveglio abbracciata a te e mi addormento col tuo sorriso. Non sclero perchè abbiamo tanti progetti, vogliamo crescere, perchè voglio darti tutto e più di tutto. Non sclero perchè penso sempre che tutto può accadere, soprattutto le cose belle. Da quando sei arrivato te lo penso ancora di più!!! Non sclero perchè la vita è una festa e due semplici parole non spengono la musica e mi mandano a casa. Io continuo a ballare, saltare, correre, viaggiare e sognare, Amandoti.

Il grazie di Layla

Buongiorno, mi chiamo Layla, come la canzone di Eric Clapton, quella elettrica però. Il mio nome l’ha scelto mio fratello Andrea quando aveva 17 anni. In quel periodo portava i capelli lunghi che scendevano sulle spalle e suonava la chitarra tutto il giorno. Che stress che era! Con mamma, papà e Andrea ci siamo divertiti tanto. Io e mamma abbiamo sempre avuto un rapporto burrascoso, ci siamo ferite tante volte, ma anche abbracciate e consolate quando nessuno ci vedeva. Papà stava sempre sul divano, che pigrone! La notte però, quando avevo paura dei lampi e dei fulmini, mi andavo a mettere sotto le coperte con lui e tutto passava, come per magia. All’ora di pranzo, come di consueto, Andrea tornava da scuola sempre affamato e molto stanco, visto che usciva tutte le sere. Io stavo tanto bene a casa con mamma a guardare la tv. Poi, verso le quattro, tornava mamma ed era una festa. Mi buttavo a terra e lei mi accarezzava la pancia e giocavamo con la palla, poi cucinava e io l’aiutavo. Verso le sette poi tornava papà, che mi abbracciava e prendeva in braccio, ma a me ha sempre dato fastidio: non sono mai stata una tipa da abbracci. Questa è stata la mia vita. Un giorno poi cominciai a non star tanto bene, non mangiavo e avevo dolori ovunque. Anche Andrea aveva qualcosa di strano e per la prima volta decisi di dormire con lui. Avevo capito che aveva bisogno di me. Ancora oggi, che sono tre anni che me ne sono andata, lo ricorda come qualcosa di importante e mi ringrazia…

Il grazie di PICIA

Grazie alla mia famiglia, che mi sostiene, mi sopporta, mi aiuta ed è sempre pronta ad aiutarmi.

Il grazie di Angel@

Il mio grazie è per la mia famiglia e soprattutto per mio fratello. Poi un grazie va ai miei amici dell’Azione Cattolica, i quali mi sono sempre accanto e poi un grazie particolare a Dio. Ebbene sì a Dio, perché mi ha fatto scoprire tantissime cose durante la malattia… Un abbraccio a voi tutti.

Il grazie di chiara.l

Il mio Grazie è per te Amore Mio! Grazie per aver scelto di affrontare insieme a me questa battaglia. Grazie per aver deciso di rimanere al mio fianco, affrontando tanti bellissimi momenti, ma anche tantissime difficoltà. Grazie per tutto ciò che fai senza farmi pesare mai nulla. Grazie per tutte le attenzioni, i gesti, gli sguardi. Grazie per le parole non dette e per tutte le dimostrazioni del nostro grande amore. Questo amore, il nostro amore, è ciò che mi consente di essere forte, più forte della SM!! Semplicemente Grazie!

Il grazie di Cloclo

Il mio grazie è per la SM. Grazie a lei ho capito che ogni piccolo problema si può risolvere. La mia “amica” ogni tanto mi abbandona, ma poi torna. Non per questo mi ha tolto la voglia di vivere la cosa più bella che una donna possa ricevere: la maternità.

Il grazie di Sere

Il mio grazie va a tutti coloro che non si voltano dall’altra parte. Va in primis a mio figlio, il mio miracolo, ai miei genitori ed a mia sorella… Ed un po’ anche anche a me perché, io barcollo ma non mollo

Il grazie di Vale81

2009. Lei è con me dal 2009. Ho provato tanto dolore e dicevo: «perché a me perché ora???» 8 mesi dopo mi sarei sposata ed ero super impegnata per i preparativi del matrimonio. Una nuova vita, arrivi al gran giorno e come si dice in “salute e malattia ” lui, mio marito Fabio, i miei genitori, mia cugina e lì da quel preciso istante, la SM ha radicalmente cambiato la mia vita. I dolori, la stanchezza, i farmaci, i medici, non hanno però fermato i miei progetti: la famiglia, i miei due gioielli. Ho sempre desiderato una grande famiglia e non lo dico tanto per dire. Grazie a Dio sono arrivati loro. Non posso negare che è difficile perché la “lei” è sempre lì con i pesi e le spine nelle gambe e le emicranie da non riuscire a vedere per un intera giornata… Pianti??? Tanti… Depressa?? Certo. Poi pensi che c’è di peggio, che sei fortunata, bla bla bla… Che dire ancora??? Il mio grazie è per me, per loro e per voi che crediamo ogni istante che qualcuno ci aiuterà a sconfiggere “LEI”

Il grazie di Sarolina

Il mio grazie va alla mia famiglia perché mi ha sempre sostenuta. A mio marito e a mia figlia che mi danno la forza di reagire anche nei momenti più difficili. E grazie al mio lavoro, ai miei piccoli alunni che con i loro sorrisi e i loro abbracci mi fanno dimenticare qualsiasi cosa negativa.

Il grazie di Rosy

Salve a tutti. Io ho la SM e fibromialgia reumatica. Io mio grazie va prima di tutto alla sezione AISM di Palermo che mi aiuta tutte le volte che ho chiesto: non solo per andare nei vari ospedali, ma anche per le attività che svolgono e offrono a noi disabili e che ci permettono di non pensare a quello che vive costantemente con noi…Grazie anche ai volontari che fanno solo con il cuore

Il grazie di boni51

Da quando 11 anni fa mi è stata diagnosticata la sclerosi multipla ho subito capito che probabilmente finirò la mia vita su una sedia a rotelle. Ho subito ringraziato Dio di aver avuto la possibilità di avere un figlio sano e un marito che mi ama. Il resto, per me, contava e conta poco. Ogni giorno, però, io cerco di ritardare il momento in cui mi siederò definitivamente. Faccio ginnastica, cammino e faccio attenzione a non ingrassare per evitare di “stancarmi” troppo a portare in giro il mio peso. Lotto: lotto ogni giorno anche se mi accorgo che ogni giorno c’è una piccola parte di me che si spegne, ma fino a quando ne avrò le forze continuerò a lottare per me e per i miei cari per i quali debbo cercare il più possibile di non diventare un peso. É questo che mi spinge ad insistere tenacemente a voler fare a tutti i costi una vita “normale” e a godere pienamente di tutto ciò che probabilmente fra un numero imprecisato di anni mi verrà negato. E ringrazio, ringrazio sempre Dio o chi per lui quando la mattina mi sveglio e mi accorgo di muovere ancora le mani, di poter ancora camminare (certo non posso più correre ma va bene lo stesso) e di poter essere felice o infelice a seconda delle “bordate” della vita che capitano a me o ai miei cari. Alcune persone, purtroppo, le ho perse per strada. É una malattia che spaventa perché, come dicevo, si rischia di diventare un “peso” per il prossimo, ma dopo un po’ me ne sono fatta una ragione. Va bene così…

Il grazie di annalisa

Il mio grazie va innanzitutto a mia figlia Giulia che col suo amore e con il suo sorriso meraviglioso mi ha sempre trasmesso la forza e il coraggio di affrontare i momenti più bui. Vorrei poi ringraziare i miei genitori e soprattutto le mie sorelle che hanno seguito Giulia meglio di me, occupandosene, amandola, dandole quella serenità e spensieratezza che una bambina di quasi 3 anni deve avere, sorridendo e giocando con lei anche quando avevano a loro volta il cuore spezzato dal dolore. Ringrazio l’equipe del reparto di neurologia del Gemelli, medici straordinari. La mia prima esperienza con la SM è stata nel 2007. Nel giro di pochi giorni da un leggero malessere iniziale ho poi completamente perso l’uso delle braccia. Entrare al Gemelli senza una diagnosi e lasciare Giulia a casa da sola è stata l’esperienza più dolorosa mai affrontata. Oggi – nonostante la diagnosi di SM, tante lesioni e tanto dolore – grazie al sorriso più bello mai visto in vita mia, grazie a un grande amore che mi fa sentire donna, grazie al nostro cagnolino Chicco, ai miei nipotini fantastici e alla mia immensa famiglia, sono una donna felice che vive tutto al massimo e che semplicemente VIVE una vita piena di emozioni bellissime che riescono a farmi dimenticare la mia “compagna di viaggio”. Grazie!!!!!!!

Il grazie di Francesines

Il mio grazie va alla mia matta e fantastica famiglia!!! É merito vostro se sono una guerriera. Il mio grazie va anche al mio lavoro: assistere una vita che nasce è meglio di qualsiasi terapia…

Il grazie di retoile22

Il mio grazie va ai miei preziosi nonni che mi sostengono ogni giorno con forza coraggio e determinazione e che riescono a nascondermi il loro dispiacere con sorrisi e dolcezze, preparando i miei piatti preferiti, ovviamente riadattati in versione vegan!

Il grazie di Zio Ciccio

Il mio grazie è per tutti coloro che si impegnano per la sperimentazione

Il grazie di Jane

Grazie alla vita che mi ha dato tanto e se a volte ho pianto, sofferto e urlato. Forse questo mio percorso mi ha aiutato a crescere: ecco perché oggi condivido con voi la mia gioia e vi auguro anche a voi solo gioia e serenità.

Il grazie di Stesal

Ringrazio il mio neurologo M.Pasquinelli per la sua professionalità e amicizia durante i miei 19 anni di SM, la mia famiglia (genitori e sorelle) e gli amici, quelli veri, che non mi hanno mai abbandonato.

Il grazie di lupo1980

Il mio GRAZIE più grande va a te, MARIA che il 19.06.2015 mi hai fatto sentire nuovamente vivo col tuo primo respiro. Tu sei il mio titanio, la mia energia, la mia ragione, il mio obbiettivo, la mia fonte. Quando la stronza si sveglia mi basta guardarti o solo pensarti per sentirmi invincibile. Grazie piccola mia!!! Sei la stella più bella della costellazione scesa in terra per baciarmi e far tornare il sole. Mi hai insegnato a volare dopo che mi hanno spezzato le ali. Te lo prometto: #iononsclero

Il grazie di Tittimia

Grazie alla mia famiglia, che mi ha supportato e sopportato dal momento della diagnosi, standomi vicina soprattutto nei periodi bui! Ma ora il mio grazie speciale va a mia figlia Francesca che nonostante la sua tenera età è sempre pronta a coccolarmi e ad avere premure per me. Grazie amore per la forza che mi trasmetti. Sei una bambina speciale. Ti amooooo

Il grazie di Lalla

Il mio grazie è per mio marito, che con i miei alti e bassi mi sopporta da 22 anni e ai miei 3 figli, che mi fanno sentire ogni giorno il loro amore.

Il grazie di Marilù

Grazie a te. Ti dissi: “sai ho la sclerosi multipla, vorresti combattere questa battaglia con me?” e tu rispondesti: “beh, è facile combattere quando siamo di più. Non vedo perchè qualcosa mi debba fermare nello stare con te”. Ed è stata quella frase che mi fece innamorare completamente di te. Grazie al mio fidanzato, attualmente marito. Insieme siamo più forti di lei, esistiamo prima noi e la vita.

Il grazie di Giachi

Il mio grazie va in primis a, te Amore Mio, che mi hai dato la possibilità di essere la Tua Mamma. Una gioia immensa. Il mio grazie va anche al Mio Angelo custode che è mio padre.

Il grazie di Sere69

Grazie a chi mi vuole bene.

Il grazie di apemarcotti

Grazie a me e alla mia voglia di vivere e di essere felice. Grazie a chi mi tratta come persona e anche a chi mi aiuta senza farmelo notare. Grazie a chi mi sorride, anche da lontano. Grazie a chi ride di me e con me. Ho voglia di fare cose e saltare sulla mia vita, nonostante tutto.

Il grazie di Saretta13

Il mio GRAZIE è per le persone più importanti della mia vita. È per la mia bimba che è la mia vera forza. È per mio marito che condivide con me paure, cadute ma anche tante gioie. È per mia sorella e mio padre, fari nei momenti più bui. È per i miei piccoli alunni, le colleghe ed il preside della mia scuola: il loro abbraccio è lo scudo più forte contro tutte le avversità. Un sentito GRAZIE anche al medico che mi ha in cura e a tutte le associazioni che si occupano d’informare e farci sentire meno soli. GRAZIE, GRAZIE, GRAZIE!

Il grazie di Jolic84

Grazie…tutto è racchiuso in una parola! In questa parola racchiudo tanto. Racchiudo chi, con infinita pazienza, mi sta accanto ogni giorno, mi sostiene, mi stimola, mi spinge a non arrendermi. Ma grazie anche a me stessa, ai miei sforzi, alla mia testardaggine, alla mia voglia di non arrendermi mai e di lottare ogni momento. Il mio grazie va al mondo, a ció che mi circonda e che mi sorprende ogni volta: al sole e al mare che mi indicano sempre la strada per tornare quando mi sento smarrita. Grazie alla vita che mi ha insegnato il suo significato, perchè la malattia mi ha portato a vedere il mondo con occhi diversi e a dare valore a ogni minima cosa e gesto. Grazie a me che ogni mattina mi alzo e sorrido sempre e comunque. Grazie alla mia forza, grazie ai miei occhi, grazie al mio cuore, grazie ai miei sogni…semplicemente Grazie! “C’è sempre un raggio di sole destinato ad ognuno di noi”.

Il grazie di Mariasole

Il mio grazie è per me e per tutte quelle persone che come me non smettono di sorridere alla vita che è bellissima anche con la SM.

Il grazie di Santapazienza

Il mio “Grazie” va a Lei, la mia coinquilina da 6 anni ormai. Grazie a Lei ho conosciuto mio marito e la sua coinquilina, sempre Lei ma più str@@@a. Grazie a Lei abbiamo scoperto insieme che la Vita è ancora più bella. Grazie a Lei ci siamo sposati. Grazie a Lei oggi abbiamo un figlio che è la luce dei nostri occhi, un Amore grande che non si può descrivere, la nostra Forza. Grazie a Lei affrontiamo le difficoltà con uno sprint in più, perché ogni giorno va vissuto intensamente e ricordandoci quanto siamo Fortunati.

Il grazie di Manu79

Il mio grazie è un po’ particolare, perché non riguarda me, ma la mia mamma. Grazie per avermi donato la vita. Grazie per ogni tuo sacrificio. Grazie perché nonostante la SM non mi hai fatto mancare il tuo affetto. Grazie per l’esempio che mi hai dato lottando per circa vent’anni contro questo male con tutte le tue forze. Che questo grazie arrivi fin lassù dove ora tu mi proteggi. Ti amo Mamma, tua figlia Manuela

Il grazie di Annarella

Per quegli occhi neri che mi dicono che hanno bisogno ancora del mio aiuto. Per quelle braccia che, se mi stringono, sono più forti di una catena. Per quei ricordi divertentissimi che quando ti tornano alla mente ti fanno sorridere, e prendere per pazza dalle persone che ti osservano per strada. Per quelle lacrime che sono state così dolorose da bruciarti la faccia e per quelle che erano dolci come il miele. Per le paure che hanno attanagliato i giorni e per tutte le volte che le paure si sono trasformate in gioia infinita. Per le parole non dette perché il silenzio spesso era un “Mi dispiace!”. Per tutto quello che ho, perché quello che non ho non servirebbe a nulla se non avessi voi. Per voi io mi rialzerò. Sempre.

Il grazie di Domitilla63

Io mi chiamo Silvia e il mio grazie va ai due esseri più cari che ho al mio fianco: mio marito Marco e Dino, il mio bassotto di 3 anni. Io sono fortunata. Talvolta dimentico di avere la malattia di cui sono affetta. Mi permette di condurre una “vita normale” e, al tempo stesso, mi ha concesso e mi concede giornalmente di apprezzare la quotidianità nei suoi aspetti più semplici. Mio marito è il mio punto fermo: con lui tutto si può fare, nulla é stato, é e sarà un ostacolo. E poi Dino:con lui è arrivato in casa l’ amore incondizionato, la spontaneità, la dolcezza, la consolazione, l’ ltruismo, la lealtà che solo gli esseri “puri” conoscono e sanno offrire. Mi attende con loro un cammino lunghissimo fatto di passeggiate, di corse e rincorse per vincere insieme la “nostra” battaglia. Silvia

Il grazie di katiuscia

Ciao Tonino, sono la sclerosi multipla. Come mai ti sei permesso di metterti tra i miei piedi e quelli di Katy? Non capisci che volevo distruggerla? Il mio compito era toglierle il sorriso, la speranza, la forza!! Ma tu cosa credi? Di essere piu forte? Che l ‘amore sia in grado di farmi allontanare e che sia in grado di liberarsi di me? Vedi Tonino, anche io ho paura! Anche io ho le mie debolezze. Ho visto lo sguardo, la tenacia, la voglia di vivere di Katiuscia. Vi amate tanto vero? Così non va bene! A che servono le medicine? Forse è una cosa che io non capirò mai. Il mio compito era diverso! Dove ho sbagliato? Ho sbagliato pensando di essere più forte del vostro amore. Vi lascio ai vostri sorrisi e a una nuova vita anche se so che farò parte sempre di voi, ma ora non vi faccio più paura. Ciao Tonino. Ciao Katiuscia.

Il grazie di Emily 85

Il mio primo grazie va a me stessa, alla mia volontà di lottare e di vivere. Il mio secondo grazie va a mia figlia che è la mia ragione di vita e la mia forza. Il mio terzo grazie va a chi mi ha promesso che avrei potuto contare su di loro e non ci sono stati, perché grazie a loro ho capito quanto posso essere forte anche sola. Il mio quarto grazie va ai dottori che mi hanno visto e curato prima come persona e poi come paziente.Il mio ultimo grazie va a tutti voi che con le vostre iniziative ci unite e ci date la possibilità di esprimerci in tutto per tutto. GRAZIE

Il grazie di Michele

Innanzitutto grazie alla professoressa Isa Simone del Policlinico di Bari che mi ha curato e mi cura con altissima professionalita sin dal 1983, anno in cui si è manifestata la SM. E ringrazio soprattutto mia moglie Licia e i miei figli che con tanto amore mi sono stati vicinissimi.

Il grazie di Alessia

Il mio Grazie va a mia figlia, a mio marito, alle mie amiche/amici…e alla mia famiglia! Alessia

Il grazie di Pasklee

“Perchè dobbiamo fare mille cose, una dietro l`altra senza un attimo di tregua?”, mi chiese una volta colei che dopo diversi anni sarebbe diventata la mia compagna di vita. “Perchè ho la sensazione di non avere il tempo di riuscire a fare tutto ciò che voglio fare?”,fu la mia risposta in un momento cosciente. Mi fermo. Guardo indietro. Tanta rabbia, amarezza. Guardo avanti. Tanta confusione, incertezza. Sono fermo, seduto sul letto, solo con me stesso, tentando di trovare il punto giusto per l`ennesima iniezione. Il rito che mi accompagna da ormai quattro anni. Vedo due occhietti blu spuntare attraverso la porta socchiusa. Sono gli occhietti più belli del mondo. Il mio sorriso, nell`averli scoperti là che mi spiavano, è il mio assenso a poter entrare. “Papà cosa fai di bello?”. Avrei voluto spiegarle che non c`è niente di bello in tutto ciò. Che quella lucina verde intermittente che tanto le piace in realtà è una condanna. Quel rito lo facevo da solo, chiuso in stanza, lasciando alla mamma il compito difficile di spiegare in qualche modo a una bimba di due anni come non invadere quel momento. “Fai la puntura come Orso? Dopo ti do un bacino, così non fa male…” e mi ha dato un bacino sulla gamba. Da quella sera lei è la mia assistente durante le iniezioni. Il mio GRAZIE va a lei che mi ha insegnato non a non temere la mia malattia, ma a viverla insieme. A lei e alla sua mamma, perchè di tempo di fare tutto quello che vogliamo ne avremo a sufficienza.

Il grazie di Talida

Grazie alle persone che mi stanno sempre vicino

Il grazie di Vitto71

Ringrazio la persona che AMO profondamente, Valentina. É certamente un Angelo mandato da Dio. Certamente perchè non mi sta dando la normale e semplice assistenza e attenzione, ma la possibilità di provare un sentimento che va oltre l’amore che io conoscevo. Grazie e soprattutto spero in maniera sincera e nitida di poter dare il mio ultimo sguardo alla vita con la sua presenza accanto.

Il grazie di PierPier

Il mio grazie va a mia moglie e ai veri amici. É solo per loro che sono ancora al mondo

Il grazie di Fantasia41

Se riesco ancora a lottare dopo venti anni di malattia è solo grazie a mia mamma che a 91 anni se batte per me come una ragazzina. Grazie mamma

Il grazie di Rosy

Il mio grazie è per i miei genitori che ogni giorno mi danno la forza per affrontare questa mia nuova vita in compagnia della mia clone: la SM. Loro non sono più con me, ma la loro presenza e la forza che mi infondono ogni giorno sono per me palpabili.

Il grazie di Dany71

Il mio grazie è per la gioia di vivere che da sempre mi porto dentro

Il grazie di Pulcemacchia

Grazie Matteo, mio compagno di cordata, che ogni giorno mi aiuti ad affrontare questa montagna chiamata SM. Ogni tanto mi direzioni sul sentiero giusto quando mi disoriento; assieme raggiungiamo “rifugi” importanti, guardando sempre più in alto. nel cammino può succedere che cada, ma sei sempre pronto ad aiutarmi. La vetta non l’abbiamo ancora raggiunta, ma come dici tu uno più uno non fa due, ma molto di più e di sicuro insieme ce la faremo!

Il grazie di Claudia81

Grazie a me stessa che, grazie alla malattia ho scoperto di essere fortissima! Grazie a mio marito che, grazie alla malattia ha capito di amarmi veramente tanto e di non poter fare a meno di me: grazie davvero amore mio per come sei e per tutto quello che fai! Grazie a mio figlio che, grazie alla malattia si prende cura di me a soli 8 anni, ricordandomi di prendere la pillola, di farmi la puntura o semplicemente rimanendo solo e in silenzio quando io ho bisogno di riposare! Amore di mamma, sei la mia vita e non puoi capire la carica che mi dai ogni giorno per andare avanti e renderti felice! Grazie a Gesù e alla mia mamma che da due mesi mi guarda da lassù e che grazie alla malattia mi ha finalmente capita e compresa. Mamma mi manchi tanto! Infine, grazie alla vita, che grazie alla malattia mi ha fatto capire come sono veramente le persone che mi circondano e che devo pensare soprattutto a me stessa e a stare bene io in primis! Insomma, grazie anche a te malattia che hai cambiato la mia vita!

Il grazie di mavi.mora

Tutto è iniziato quando ho conosciuto mio marito e la sua simpatica sorella, mia cognata, che è affetta da sclerosi multipla. Per tanti anni ho avuto la fortuna di non vedere quando aveva le crisi. Fino a 5 anni fa. Sono rimasta scioccata. 2 anni più tardi è toccato a me ricevere la notizia che anche io avevo la sclerosi multipla. Essere consapevole di poter avere delle crisi come quelle di mia cognata, avendo due bambine che adorano me e la zia, mi ha fatto molto male. È stata poi lei ad aiutarmi ad accettare e ad imparare a vivere con ciò. Quattro giorni fa lei ha avuto una ricaduta e l’ho portata io al pronto soccorso. É stata ricoverata. Il giorno dopo sono stata ricoverata anch’io. Stessa diagnosi, stessa malattia, stesso reparto e stessa stanza. Siamo diventate la barzelletta del’ ospedale. In questi momenti la cosa migliore è poter stare a fianco di chi ti capisce meglio: la tua famiglia. Ci chiamano “LE COGNATA DELLA STANZA 10”

Il grazie di Gerry

Il mio grazie va alla mia compagna Miriam che ogni giorno mi aiuta a combattere la SM e che dopo solo due giorni dalla diagnosi mi ha subito regalato la terapia adatta: MS (Mariasole), la mia vera medicina! Grazie di essere arrivata al momento giusto, piccolina mia! E un doveroso grazie va anche alla mia famiglia che, nonostante i tanti kilomentri che ci separano, c’era, c’è e ci sarà sempre per accompagnarmi nel mio cammino.

Il grazie di Marcondiro78

Il mio grazie va a tutti quelli che mi sostengono da 18 anni e convivono con me la mia battaglia. Poi va a me stesso perchè se non avessi una grossa forza d’animo e carattere non so dove e come sarei. Concludo dicendo «Ragazzi che come siete forti nn lasciatevi sorpassare. Ricordate che quello che non ci uccide ci fortifica e ricordate ancora che il Signore non ci da mai una croce che non possiamo sopportare… Buona vita»

Il grazie di Krizia

Ho tanti grazie da dire. Il primo va alla sclerosi: mi ha migliorato come persona, mi ha insegnato ad amare la vita ogni secondo. Il secondo grazie è per il mio fidanzato ed i miei genitori: loro tre sono il faro di tutti i miei giorni. Un grazie speciale anche ai miei medici che mi sopportano e mi supportano, sono diventati una seconda famiglia. Ed infine grazie anche a me e alla mia voglia di sorridere sempre.

Il grazie di Ni Ky

Il mio grazie va alla mia mamma che a febbraio 2018 è stata la mamma più brava e determinata a voler sapere/scoprire perchè la mia vista era calata ed a marzo 2018 ho scoperto che la SM fa parte della mia vita quotidiana. Un altro grazie lo faccio al mio fidanzato che mi sta sempre vicino sopratutto per i miei sbalzi d’umore ad un mese da questa scoperta/svolta. Amo la vita e adesso la amerò ancora di più, perchè per il momento sto ancora bene. Grazie a chi mi vuole bene e mi dimostra che insieme si è più forti. Grazie a me che ho speranza nel mio futuro e nel futuro di tutti quelli che hanno questa patologia. Grazie alla ricerca e alla speranza.

Il grazie di polpetta74

Il mio grazie è per Angelo che condivide il mio male

Il grazie di Hilary94

Il mio grazie è per la forza ed il coraggio che ho avuto ad affrontare tutto da sola, per la voglia che ho di essere felice e per gli amici che ho conosciuto durante questa avventura…

Il grazie di Franci

Grazie a mio marito che mi ha salvata.

Il grazie di Sarto96

Il mio grazie è proprio per lei, la SM, perchè ha deciso di presentarsi a me durante il mio percorso di studi per diventare infermiere. Perchè mi ha fatto avvicinare ancora di più a chi tutti i giorni ho la fortuna di assistere. Perchè mi ha fatto capire cosa significhi trovare la forza di andare avanti anche quando il mondo sembra crollarti addosso. Anche se spero mi permetta di prendermi cura di chi ne ha più bisogno per ancora molti anni senza intralciarmi troppo, anche perchè farò di tutto per impedirglielo.

Il grazie di Luiru

Il mio grazie è per la mia compagna di vita che mi assiste 24 ore al giorno, senza mai mancare di farmi un sorriso o una carezza, accertandosi anche che respiri con la giusta frequenza e sorridendomi sorride anche quando non potrebbe. Ecco a chi va il mio grazie! A questa malattia (mostro) non bisogna lasciare nemmeno un millimetro perchè lei, in cambio, si prende un metro! La volontà e l’impegno da soli non bastano. Ci vuole un sorriso, tanti sorrisi; una carezza, tante carezze!

Il grazie di Tigre82

Il mio grazie è per la vita, perché spesso un macigno sulla propria strada è solo un trampolino verso orizzonti più ampi e verso punti di osservazione più profondi ed intimi. É per mia figlia che merita di avere una MAMMA al 100% che possa guardarla negli occhi, prenderla per la mano e accompagnarla in giro per il mondo, lasciandole in eredità i valori più veri. É per mio marito che mi ama per quello che sono accettando che nel mosaico del mio essere c’è anche lei. É per i miei genitori e mio fratello, porto sicuro del mio mare. É per tutti quelli che continuano a tenere duro e a credere nella nostra “normalità”. É per i medici che vivono emotivamente forse più di noi la nostra sofferenza e che ci insegnano a rialzarsi dopo ogni (ri) caduta. Ed è per me stessa e per la mia energia mentale che mai mi ha abbandonata in questa lunga convivenza

Il grazie di Piccolino18

Il mio GRAZIE è per i miei cani: Willy per 16 anni ed ora Buddy, che mi danno il motivo per svegliarmi la mattina ed affrontare un nuovo giorno.

Il grazie di Federica

Il mio grazie è per il team dell’Ospedale Sant’Andrea di Roma che dal 2016, da quando avevo 30 anni, mi accompagna in questo viaggio. Il mio grazie è poi per mio marito che non mi ha mai fatta sentire malata, per mia figlia che occupa le mie giornate e le riempie di amore! Tutti loro hanno fatto sì che io potessi intraprendere una nuova gravidanza. La Sclerosi Multipla modifica il nostro modo di vivere, ma non ci impedisce di farlo. Lo facciamo con ritmi differenti e con alti e bassi, ma in fondo chi stabilisce cosa sia la normalità?!

Il grazie di Ilarianess

Il mio grazie va a tutte le persone che hanno deciso di starmi accanto in silenzio, senza troppe parole, perchè gli sguardi a volte sono più profondi di mille «ci sono io con te». Il mio grazie più grande però va a mio nonno che forse per paura ha sempre fatto finta che non ci fosse qualcosa di speciale in me. I suoi occhi pieni di lacrime quel pomeriggio in ospedale mi hanno dato la forza di reagire e di mettermi in gioco ogni volta che i pensieri viaggiavano e viaggiano più del dovuto. E allora grazie nonno, perchè da sempre sei stato il mio più grande sostenitore in questa grande battaglia chiamata vita. Grazie per aver nascosto la tua preoccupazione e avermi sempre detto: «sono sicuro che ce la farai!!!» Lo devo a te e a tutte le volte che da piccola mi sono addormentata sulla tua pancia. I miei successi saranno i tuoi. Grazie per avermi fatto coraggiosa e testarda. Insomma: buon sangue non mente!

Il grazie di Sissy

Grazie alla vita che mi ha tolto tanto, ma ho dato tanto. Grazie a mio marito che mi sopporta e a Leo che da quando è arrivata lei, la SM, mi riempie le giornate di felicità.

Il grazie di Johara

Il mio grazie è per la mia voglia di vivere e di ridere. Ce l’avevo prima della diagnosi, l’ho persa per un po’, ma poi l’ho ritrovata. Era lì che mi aspettava. Per superare i giorni no, le gambe alla Pinocchio, i ricordi persi, le cose che ti cadono dalle mani, la rabbia e il pianto, la stanchezza incontrollabile, la spada di Damocle sulla testa tutti giorni, tutte le mattine quando ti svegli e ti chiedi: «chissà se oggi sarà come ieri o peggio o meglio…». L’unico modo è sorridere e vivere, vivere tutti i giorni e ridere, ridere di cuore.

Il grazie di Mimmi63

Grazie alla umana resilienza e alla forza che mi danno i miei cari. Quante cose da fare e da sperimentare, quanti luoghi da visitare…P oi ti ricordi che saresti “prigioniera” e che sei costretta a trascinare delle palle ai piedi ma, al diavolo, ci provi ugualmente!! È proprio questa irrazionale energia che ci conserverà sempre intatti e scevri da ogni invalidità spirituale. Lei, la subdola e non compassionevole SM, potrà prendere in ostaggio arti e organi, ma non potrà mai contaminare il nostro vero io, il nostro spirito, che ride delle sue vittorie. Lui non conosce sinapsi, terminazioni nervose, muscoli e tendini, ma vive e si nutre di sogni, di abbracci, di corrispondenze amorose, di affinità elettive e mirabolanti voli pindarici. Al di là di ogni fisicità lui, il nostro straordinario Avatar azzurro, continuerà per noi a percorrere valli, guadare fiumi e scalare le vette dei monti.

Il grazie di Lafondlouise

Il mio grazie è per Alberto G., mio figlio, che con la sua presenza mi ha dato e continua a donarmi la forza per non lasciarmi andare, per lottare e per dargli una madre comunque presente e nei limiti del possibile, attiva.

Il grazie di Au

Il mio grazie è per l’amore che lega me e mio marito, perché io credo in esso, in questo sentimento così profondo che riesce ogni giorno a farmi sentire una persone migliore nonostante le milioni di sfide che questa malattia mi porta ad affrontare.

Il grazie di Ele

Il mio grazie va sicuramente al mio bambino. Tutti dicevano che sarebbe stato difficile ed invece sei arrivato che neanche ce ne eravamo accorti: io continuavo a lavorare e tu eri lì a farmi “cucù!” Sei il mio miracolo: mi fai stare bene tutti i giorni, tutto il giorno! Il mio grazie va anche alle persone che non capiscono e che cercano di mettermi dei paletti: «tu hai l’SM: non puoi fare questo, non puoi fare quello». E invece io posso e faccio: finché potrò non permetteró a nessuno di dirmi cosa posso fare, discriminandomi. Ringrazio queste persone, perché mi hanno resa più forte. Voglio essere un esempio per mio figlio, voglio che sappia che ha una mamma che combatte anche per lui e lotta non contro questa malattia che ormai è una compagna di viaggio, ma contro l’ignoranza della gente! GRAZIE! E ancora grazie al mio ometto che da 4 anni mi rende una persona migliore e forte ed è per lui che…io non sclero!

Il grazie di ulissa

Il mio grazie va a mia figlia ed al mio ex marito che mi hanno mollata come un vero rifiuto tossico, con il massimo dell’indifferenza. E se mi permettere, un vero grazie affettuoso a me stessa, perché per ora riesco a cavarmela da sola…io e la mia compagna: Secondaria Progressiva. Grazie Donatella e Forza!!!

Il grazie di Birbadancan2

Il mio grazie è rivolto soprattutto a me stessa per non aver mai mollato nonostante i giorni no. Il grazie più importante è per mio marito e mia figlia che non mi hanno mai e non mi considerano nemmeno ora una persona ammalata, nonostante la mia sedia a rotelle. Mi ricordo ancora il giorno della diagnosi: era il mio 45esimo compleanno. Io e mio marito ci siamo guardati negli occhi e io ho detto a mio marito: «vai. Fatti un’altra vita. Mi arrangerò da sola, non preoccuparti se non te la senti». Mio marito, guardandomi negli occhi, mi ha risposto «Non ti ho mica sposato solo per le tue gambe. Anche se non ti andranno più, continuerai comunque a “rompere”». Sono passati tanti anni e aveva ragione lui: le gambe non vanno più, ma io continuo a rompere! Quest’anno per il mio compleanno mi ha regalato una crociera. Per lui sono rimasta la Gabri che ha sposato 36 anni fa, che le gambe vadano o non vadano, non è cambiato niente. Grazie amore!

Il grazie di Sissi

Il mio grazie va alla guerriera che vive in me in compagnia di un’amica che purtroppo c’è e ci sarà sempre. Dico grazie ai respiri di questa vita che, nonostante tutto, VIVO….GRAZIE

Il grazie di Lolasd

Un grazie speciale ad un super uomo, un super papà, un super atleta che combatte con me tutte le mille difficoltà che la vita mi mette in faccia. Un grazie all’arma dei carabinieri che ha dato l’opportunità di unirci e di andare avanti senza ostacoli. Grazie a tutti coloro che ci circondano con amore e serenità.

Il grazie di Naoto81

Buongiorno, sono un papà di una meravigliosa famiglia ed ho una moglie affetta da questa patologia. Grazie amore per avermi donato, insieme all’aiuto del Signore, queste tre bellissime creature: tra mille difficoltà ci siamo riusciti. Tu devi stare solo serena: io sono abituato a combattere come un guerriero.

Il grazie di Giò Art

Grazie a mia sorella che dalla sua carrozzina mi ha dato la forza di accettare la SM che già lei conosceva e che a me è stata diagnosticata 6 anni dopo. Urlo: «Grazie sorellina mia». Urlo perché non ci sei più, urlo perché mi hai lasciato, urlo perché qualcuno ha pensato bene di darti una delle peggiori malattie: un tumore. Grazie perché non ti ho visto soffrire: mi hai nascosto tutto, sempre, con la tua forza e il tuo coraggio, cosa che io non ho. GRAZIE RITA

Il grazie di Vittoria

Dire grazie non è sufficiente, ma in ogni caso lo devo a mio marito. Lui come me lotta ogni giorno contro questa malattia e mi dà la forza per non mollare mai. Anche nei momenti più bui lui è vicino a me con un abbraccio e con la ferma convinzione che ogni pensiero positivo è una vittoria contro la SM. Quindi grazie amore mio!!!!

Il grazie di Ely93

Il mio GRAZIE va a tutte le persone che mi circondano, a tutti quelli che sanno della mia malattia e mi stanno vicini nonostante i miei sbalzi d’umore. Ma un Grazie speciale lo do innanzitutto a mio Padre perchè lui è la mia forza. Al mio Fidanzato che è al mio fianco in qualsiasi momento, bello o brutto, e poi alla mia migliore amica che quando mi vede giù di morale fa di tutto per strapparmi un sorriso!! E per finire un Grazie grande va a me che sto cercando di vivere una vita normale e senza pensare il negativo!!!

Il grazie di Roberto.T

Sembra strano, ma il mio grazie va alla SM, perchè mi ha fatto capire quanto ero stupido nel cercare la felicità nelle cose che non avevo, non vedendo quelle che avevo tutti i giorni. Nonostante aver perso qualcosa, ho trovato fiducia in me stesso scoprendo potenzialità che non immaginavo di avere. Questo non vuol dire che considero la SM un’amica, ma semplicemente un professore severo e poco simpatico

Il grazie di Leos

Il mio grazie è per una persona che su Facebook (Achille D.) ha aiutato me e tantissime persone a comprendere cosa sia la malattia e quali strade intraprendere per non essere diverso dagli altri. Lo ringrazio perchè per più di 2 ore, senza alcun ritorno di alcun genere, perse il suo tempo prezioso con me cercando di spiegare in parole povere tutto ciò che io sottovalutavo anche se era sotto i miei occhi. Lo ringrazio perchè ce ne vorrebbero come lui e lo ringrazio perchè dedica il suo tempo ogni giorno a tutti noi! Anche se spesso viene attaccato per le sue verità scomode è sempre presente e pronto al confronto che mi evitano! Grazie Achille D. Grazie di cuore e che tu abbia il meglio per te e la tua famiglia! Grazie anche ai ragazzi che la sera si allenano in palestra con me dandomi il sorriso perso. Grazie amici! Infine, ma molto importante grazie alla mia famiglia

Il grazie di Quadra

Il mio grazie va a Stefano, la mia vita

Il grazie di Faby

Il mio grazie va alla mia famiglia

Il grazie di Sara76

Il mio grazie va al mio grande amore che mi sostiene giorno dopo giorno!!

Il grazie di Rondineve

Il mio grazie va a mia figlia che mi dà la forza per andare avanti. L’ho voluta con tutta me stessa ed è la mia cosa buona. A distanza di 4 anni la mia vita è cambiata: la SM mi ha portato molti cambiamenti in peggio, ma non mi arrendo perchè adesso ho la forza di lottare e mia figlia, anche se ha solo 4 anni (il 22/6), sa che ha una mamma con disabilità, ma lei mi dà la forza per affrontare il futuro insieme. E un grazie anche al suo papà che dopo aver scoperto insieme questa malattia mi supporta sempre. E un grazie anche al mio papà che vedendomi, mi conforta sempre.

Il grazie di Mir85iam

Il mio grazie è per non essere peggiorata in 5 anni di cure!

Il grazie di Cindy

Il mio grazie va alla mia famiglia e al mio fidanzato: loro riescono a starmi vicino in ogni momento… Non hanno paura di affrontare il futuro e mi fanno rendere conto che in effetti «oggi è il giorno che mi faceva paura ieri!», mi stringono la mano forte quando ne ho maggiormente bisogno e con uno sguardo mi danno 1000 risposte! Un grazie va ai miei amici, anche quelli più lontani, ed uno alla mia micina, un’ulteriore “grazie”. Forse il più grande va alla vita in genere, perchè riesce tramite sogni e speranze a farmi proseguire lungo questo viaggio!

Il grazie di Delfino

Il mio grazie alla persona che in primis mi spinge ad andare avanti, a colui che mi ama nonostante i miei momenti bui… A colui che mi dà la luce… A Franco: il mio compagno di vita sclerata

Il grazie di Gem

Il mio grazie è per colei che ho messo al mondo che mi dà la forza di affrontare questo masso che pesa, che è più grosso di me e non andrà mai via ma, che per amore di lei da mamma, devo sbriciolare per potere io avere la forza di accompagnare mia figlia nella vita

Il grazie di cocca

Il mio grazie è per mio figlio perchè è diventato grande, una bella persona, mi sgrida e mi coccola nel modo giusto e io vivo per lui. Grazie a mio marito perchè ha bisogno di me e io di lui. A mia madre un bel po’ malandata ed è convinta di avere anche lei la sclerosi quindi dice di comprendermi benissimo. A Tara, Blondie e Bridget per l’amore che mi danno.

Il grazie di BETTY

Il mio è grazie è per mio marito e mia figlia e per il mio carattere magari anche antipatico, ma forte e bastardo

Il grazie di Shira

Grazie ai miei Amori. Al mio compagno perchè nonostante lottiamo tutti e due con la bestia SM, essendone affetti tutti e due, mi dà una forza invidiabile. E grazie ai nostri figli pelosi Shira e Lucky che ci riempiono la giornata. Grazie Amore mio per la pazienza e la forza che mi dai…

Il grazie di lupa

Il mio grazie va alla persona più importante della mia vita: mia figlia che sin da piccola mi è stata vicina

Il grazie di Alones66

Il mio grazie è perchè sono viva e perchè, anche se con difficoltà, posso ancora godere di momenti preziosi, ridere, vedere il colore del cielo, condividere gioie con la mia famiglia e con il mio compagno e avere desideri come un viaggio alle Gran Canarie. Posso ancora riprendere il lavoro dopo 5 mesi di ospedale, camminare con l’ausilio di un bastone e riprendere il corso della vita. Grazie a chi mi è stato ed è vicino in questi momenti difficili dove il futuro appare incerto. Al momento non c’è nessuna garanzia, ma solo la speranza di andare avanti nel corso del cammino. GRAZIE.

Il grazie di Paolo77

Il mio grazie è per Mariangela, mia moglie. Da cinque anni ci conosciamo. Da tre siamo sposati. Da subito le ho parlato della malattia e da subito ha creduto nell’amore più che alla paura. Da tre anni condivide con me l’avventura di far volare passeggeri in mongolfiera. La mongolfiera è come la vita. Sai da dove parti, ma non dove atterrerai. Puoi solo variare la quota di volo. Devi affinare la sensibilità e percepire tutti i piccoli cambiamenti della direzione del vento. Vento che a volte maledici, perchè troppo violento o incomprensibile e ti complica il volo. Vento che a volte ti conduce in luoghi poco desiderabili. Eppure se mancasse, nulla sarebbe possibile. Dipendo da lui. Una parola che amo, “dipendere”. Da un farmaco, da uno sguardo, da un soffio di vento. Da un affetto che, tremanti, desideriamo non si allontani mai da noi. Continuo a meravigliarmi di questa vita che mi offre dipendenze, legami che sono così…”liberanti”. Voglio abitare questa mia terra, questo nostro amore, questi nostri cieli. Voglio amare questo mio corpo che ogni tanto non ce la fa. Grazie Mariangela perchè condividere tutto questo con te rende ogni attimo colmo di benedizioni.

Il grazie di Ila1392

Mi hanno diagnosticato la SM nel mese di giugno del 2010, a distanza di un mese dalla morte di mio padre, affetto anche lui di SM. La lotta contro questa malattia inizia quando avevo 6 anni e non ha mai avuto fine, prima con mio padre e poi con me. Un ringraziamento particolare va a mia figlia che mi sostiene in tutti i modi a lei disponibili e ricordandomi i miei atteggiamenti nei confronti di mio padre. Per non rattristarla cerco di sorridere sempre, di darmi da fare con la fisioterapia e con il nuoto, e di non farmi vedere sconfortata dagli alti e bassi della malattia. So cosa vuol dire essere dalla parte di chi sta vicino ad un malato e per questo motivo che non voglio essere la causa delle sue tristezze. Grazie mille, piccola mia, di esistere. Sei la mia forza. Un bacione grande. La mamma.

Il grazie di Rosy

Il mio grazie va all’uomo che mi ha sposata 4 anni fa: l’amore della mia vita, la mia cura, l’uomo che mi sopporta tutti i giorni con i miei mali. Abbiamo scoperto la SM insieme e lui non ha mai perso coraggio: ha affrontato insieme a me questa meravigliosa, inaspettata scoperta. Ovviamente un ringraziamento va anche alla mia adorabile famiglia che mi sta vicina tutti i giorni.

Il grazie di Tomrider

Oggi sono sveglia, ti guardo e mi arrabbio perchè vorrei dirti tante cose, ma poi mi accorgo che tu sai già tante cose di me, di te, di noi. Il tuo sguardo mi dice: «oggi vorrei darti tutto ciò che il mondo ha di più bello». Così con un bacio mi alzo, mi vesto e come ogni giorno vado a lavoro con la pesantezza di 100 elefanti, ma la leggerezza di quel bacio “aquila” che mi ha consegnato la forza di dire: «no! Oggi non è quel giorno. Oggi il mio amore non mi fa sentire stanca. Oggi combatto più di prima perché so che domani combatterò ancora e ancora insieme a te che stringi la mia mano lungo questo sentiero. Ti amo». Grazie a te che illumini i miei giorni bui. Il mio grazie è dedicato a mio marito che mi ha scelta nonostante tutto

Il grazie di elide

Il mio grazie va a mio marito, l’unico che non zoppica con me quando mi accompagna, perché sa mantenere il suo passo solido, senza lasciarsi intimorire, sbilanciare o frenare dalla mia difficoltà. Ma il mio grazie va anche a tutti quegli sconosciuti a cui chiedo sostegno per attraversare la strada: se chiedo aiuto trovo sempre risposte pronte e generose. La SM mi ha insegnato a domandare con un sorriso per offrire agli altri la possibilità di donare e a me quella di ricevere il bene che mi circonda. Così il meglio del mondo viene fuori e dona speranza a tutti. Ed è per questo che non sclero!

Il grazie di Laura77

Il mio grazie si rinnova in ogni fase della mia vita. Il primo, fondamentale grazie va però alla cosa più importante che ho: il mio primogenito Federico che a 10 anni mi legge l’anima ed ha scoperto la SM svolgendo un tema per i diversamente abili. Gli ho raccontato della mia convivenza con la SM e come nasce la gioia di vivere. E ha pure vinto il primo premio nella sua categoria con il tema “NON SEMPRE È MATEMATICA”!

Il grazie di Giu93

Il mio grazie è per mia mamma che nonostante non si sia rassegnata che io – sua figlia – sia stata colpita dalla sclerosi multipla e piange sempre mi aiuta ad andare avanti, a non arrendermi per raggiungere il mio traguardo universitario e a raggiungere il mio sogno diventare ingegnere biomedico ed informatico. Inoltre mia cara mamma , posso avere 1000 ricadute, possono cadermi le cose dalle mani, posso avere dimenticanze, ma il bene che ti voglio è tatuato dentro il cuore! Ti voglio bene mamma!!! La sclerosi multipla è grande, ma io di più…non mi fermerà MAI! Anche se spesso ci sentiamo soli, incompresi e abbandonati dobbiamo ricordarci che dobbiamo vincere e che non dobbiamo buttarci giù. Io NON SCLERO!

Il grazie di Alicino

Il mio grazie è per il mio bambino che ogni giorno mi dà la forza per rialzarmi. Una gravidanza inattesa che si è rivelata la mia salvezza: vivo ancora nel timore del futuro, ma guardando quegli occhi sinceri e amorevoli capisco che lui ha bisogno di me. Devo essere un esempio per lui, una presenza forte e sicura su cui potrà sempre contare. Non posso sapere il futuro, ma posso scrivere il presente. Mai arrendersi… Mai autocommiserarsi… Mai rinunciare a vivere.

Il grazie di STEFYAYA

Ringrazio la paura che in ogni crisi si affaccia in me. Essa è lì, dove ogni volta rinnovo il coraggio di vivere attraverso l’amore per e delle persone che han reso il tutto dolcemente familiare, attraverso l’amicizia a cuore sincero ed attraverso la semplicità dell`Ingordigia della vita, tanto quanto è profondo il segno che riusciamo a lasciare di essa.

Il grazie di Elisa Z.

Il mio grazie è per Matteo, mio marito, che è al mio fianco in qualsiasi momento bello o brutto che sia. Che mi tende la mano e mi dice che ce la faremo, anche questa volta. Grazie di tutto, per quello che sei e per quello che fai per me. Semplicemente, grazie Matteo.

Il grazie di Dany81

Il mio grazie va a tutte le persone che mi circondano, amici e non, conoscenti e sconosciuti. A tutti quelli che sanno della mia malattia e che NON mi trattano in maniera differente, che mi fanno lavorare, che mi fanno arrabbiare, che mi fanno stressare e soprattutto che mi fanno amare… Amare la vita e ogni sua sfaccettatura, nel bene e nel male… Un grazie particolare va ai miei figli.

Il grazie di dany

Il mio grazie è sicuramente per mia moglie. Insieme lottiamo da molti anni, cercando di vivere una vita il più normale possibile. Grazie Francesca!!!!!!

Il grazie di EPIFANIA

Il mio grazie è perché ho la sclero, ma non sclero. Dio me l’ha data, ma io non mi sento malata e nemmeno più degli altri sfortunata. Da quando ho scoperto di averla ho imparato lentamente ad accettarla, anche se in alcuni momenti l’ho odiata e mi son chiesta: “Perchè la vita proprio a me l’ha data?”. La prima reazione è stata di confusione, cambiando della mia vita l’emozione. Poi mi son detta: “Aspetta ferma e resetta, non puoi vivere così maldestra, se con te questa vita non è stata del tutto perfetta“. Allora perché buttarla via e non cercare di amarla comunque essa sia? Questa malattia non è solo mia, mi ha così cambiata, sicuramente in meglio e più forte son diventata. La mia quotidianità ha più valorizzata, rendendo ogni cosa più colorata. Il sole, la gente e il mare ho iniziato cosi di più ad amare, ho riempito ogni angolo del mio cuore, che prima era incolore, con quel tono in più, aggiungendo a ogni gesto più valore. Ho cercato quindi di accettare la presenza di lei nella mia mente, addolcendo così le difficoltà e la paura che lei mi dà nella quotidianità. Guerriera son diventata, per sconfiggere te sclerosi dannata. Con la sclero in non sclero, anzi ho una forza interiore indescrivibile, che caratterizza il mio dolce cuore, ho tanta voglia di dimostrare che io ci sono, io posso, io devo e io faccio, molto di più di altri che stanno a guardare. I miei occhi con il sorriso fanno sempre parte del mio viso e, comunque vada, la mia vita intensamente io vivrò e anche te sclero amerò.

Il grazie di Ancila

Il mio grazie è per le due figlie conosciute su un gruppo Facebook dedicato alla SM. Figlie perché ormai mi chiamano mamma. Una condivisione giornaliera di dolori, ansia, consigli e buoni propositi, ma anche tante risate e immenso amore. Ci siamo anche incontrate ed è stata una cosa incredibile, come se ci conoscessimo da una vita. Ecco, loro sono la mia forza, la mia gioia quotidiana, le figlie che non mai avuto.

Il grazie di Ros

Il mio grazie va all’amore e alla vita in due! La SM si è inserita, ma noi siamo più forti! Avanti tutta, con coraggio!

Il grazie di Biancospino

Grazie alla scostumata che, con la sua continua presenza, mi ha fatto apprezzare di più la vita e tornare la voglia di frequentare persone allegre e positive, senza tralasciare chi soffre. Grazie a me stessa, che ho preso atto di questo dedicando più tenacia e più tempo alle cose a cui prima non riuscivo più a dedicarmi.

Il grazie di Trasty 81

Otto anni fa la diagnosi, a 29 anni. Un colpo durissimo. Lui mi disse: “Adesso vieni a vivere con me!”. Grazie a colui che dopo 2 anni è diventato mio marito, perché mi ha presa per mano e mi ha salvata, strappandomi da una situazione che mi avrebbe sotterrata. Dico grazie a chi, dopo aver saputo della malattia, me ne ha fatte talmente tante da costringermi a lasciare il lavoro (bella gente, no?), perché ho capito che sono meglio di loro e, soprattutto, perché poi è arrivato mio figlio e, nell’istante stesso in cui è nato, mi sono ripresa tutto quello che la vita mi aveva tolto. Grazie a chi sa tutto e fa finta di niente, grazie a chi non sa niente o non mi conosce e mi permette, qualche volta, di “recitare” la parte della persona sana! Grazie un po’ anche a me, che non mi arrendo.

Il grazie di Carmina

Il mio grazie è per me, la mia caparbietà e la mia voglia di combattere.

Il grazie di Arianna I.

Per fortuna il destino mi ha fatto incontrare Terry. Terry altro non è che la mia gattina nera. Questa piccola pantera ha assorbito parte della mia rabbia. La mia dolce pelosetta è passata da essere una scavezzacollo a essere un tesoro, che passava la notte abbracciandomi e leccandomi le mani. Con le persone dovevo strillare per farmi sentire, con lei bastava mettere una mano sul suo manto setoso. Molte persone mi hanno allontanata, lei si è stretta a me. Ci siamo parlate per intere notti, senza bisogno di dire una sola parola. Quando avevo deciso di farla finita, quelle due splendide stelle si sono infilate direttamente nel mio cervello, dicendo chiaramente: “Se tu te ne vai chi si curerà di me? Non dire tuo marito, lui fa fatica a badare se stesso“. E io, per ora, sono rimasta. C’era chi si prendeva cura volentieri degli altri due mici, per lei non c’era nessuno. Io e Terry, zampa nella mano, come è stato per tante notti negli ultimi anni, percorerremo il suo tempo restante insieme. Grazie Terry.

Il grazie di Fra87

Il mio grazie va a mio marito Alessandro, che 4 anni fa mi ha regalato la gioia più bella: mio figlio!!!!

Il grazie di Luco

Grazie alla bellezza del mondo che non mi fa mai sentire sazio di vita e che mi spinge ad esserci nonostante tutto.

Il grazie di Rita

Il mio grazie è per la nuova vita che fa rinascere la mia. Da quando il tuo papà – il mio adorato fratello – mi ha comunicato che diventerò zia non faccio altro che pensare a te che, nonostante tu sia ancora dentro il pancino della tua bellissima mamma, riesci a colorare e profumare il mio quotidiano di quell’amore incondizionato che non potrà mai finire. Grazie esserino speciale, perché anche se ancora devi nascere hai reso la mia vita un sogno meraviglioso e ti prometto che supererò tutto e tutti, perché – come dice una canzone – io avrò cura di te e non ti lascerò mai da solo, nonostante mi accompagni una signora che si chiama sclerosi multipla. Con tanto amore, la zia Rita

Il grazie di RosaEmmaLuce

Ho 24 anni e ho scoperto di avere la sclerosi a soli 18 anni. L’impatto con la diagnosi è stato un trauma, un non voler accettare la malattia e un doversi accettare come malata. Ancora oggi cerco di non far notare i miei piccoli residui di ricadute. Non voglio pensare al domani. Il mio cruccio più grande è non riuscire a formare una famiglia e non avere un figlio: non posso e non voglio rinunciare al mio futuro e a guardare negli occhi la luce della mia vita. Sì, un giorno arriverà la Luce in questo buio e IL SENSO DELLA VITA! Penso che non ci sia cosa più bella! Affronto la malattia come viene e come verrà. Spero che rimanga tutto fermo com’è ora. So che ciò che è perso ormai non lo riprederò ed allora mi concentro su ciò che posso fare. La sclerosi multipla ti pone di fronte a sfide inattese e comporta profonde trasformazioni nella vita di tutti i giorni. Anche se ho rinunciato a tanto, sorrido sempre alla vita, racconto di me e racconto della mia compagna di vita, perchè lei vive in me. Mia mamma e mia sorella sono la mia forza: loro mi hanno aiutata, sono sempre al mio fianco e mi sostengono in tutto. Non smetterò mai di ringraziarle e so che non potrò fare molto per loro, ma in ogni momento ci sarò sempre!

Il grazie di Patty76

Il mio grazie va, in assoluto, al mio bambino e per mio marito: i miei grandi amori che ogni giorno mi ricordano di andare avanti e di essere forte. Va al mio cagnolino che senza parlare mi dimostra il suo amore da 11 anni. Va ai miei genitori che non sono più tra noi, ma vorrebbero vedermi così. E infine grazie a chi mi ha voltato le spalle, a chi si è dimenticato di me, perché mi ha reso quella che sono ora…Una donna forte!!!

Il grazie di Tamara

Il mio grazie va ad un po’ di persone. In primis a mio marito che mi è sempre vicino, alle mie figlie che sono la mia forza, alla mia famiglia, a delle donne speciali tra cui Antonella Ferrari, Noria Balli e Fiamma Satta che con le loro storie danno forza a tante persone. Il mio grazie va anche a delle guerriere che ogni giorno mi danno coraggio e che sono Claudia Gervasini, Eleonora Masiero, Laura Carnevali, Erminia Gorni e tante altre che vivono ogni giorno la mia battaglia. GRAZIE DI CUORE A TUTTI E A CHI MI È STATO VICINO NONOSTANTE LEI.

Il grazie di Steolori

Il mio grazie più grande è per una persona che purtroppo non c’è più a causa di un cancro rarissimo. Lui mi ha insegnato ad essere una guerriera come lo è stato lui fino all’ultimo istante. Lui che quando mi hanno dato la diagnosi ho avuto paura di perderlo. invece mi ha guardata e mi ha detto: «stai muorendo? E allora che problema c’è?» E ogni volta quando mi sento persa e sto per cedere ripenso a quella frase e ricomincio a lottare più forte di prima! E grazie a lui sono riuscita a fare cose che mai avrei pensato di riuscire a fare come salire sulla cima di quei monti e vedere l’immensità di quei panorami che lui vedeva sempre. Ringrazio La mia grande famiglia che ha vissuto con me il calvario dell’errore della diagnosi e ancora oggi mi è sempre vicino. Ringrazio i miei vicini e chi ogni giorno mi regalano un po’ del suo tempo e un sorriso. Ringrazio il mio nuovo compagno che sopporta i miei “momenti no” e mi aiuta sempre. E sì, ringrazio anche te cara SM, per avermi fatta crescere e capire cosa è realmente importante nella vita. Mi hai insegnato a pensare anche a me stessa, a non correre per cose futili o per persone che non sanno capire. Mi hai insegnato che la vita è una continua battaglia e che non bisogna mai smettere di combattere. Nel rispetto di chi la vita l’avrebbe voluta vivere al massimo, ma purtroppo non ha potuto.

Il grazie di Joleanto

Grazie ai miei figli che mi danno la forza di affrontare tutto, non solo la SM .Vivo per voi.

Il grazie di Mau

Il mio grazie è a me stesso per non mollare mai: dopo 12 anni di sclerosi sorrido sempre alla vita. Grazie a mia moglie e ai miei 4 figli che mi ricordano sempre che non sono solo. Grazie al mio amico mare che ascolta sempre la mia anima e mi accoglie come solo lui sa fare con la sua forza e la sua infinita pazienza. E grazie anche a lei che mi ha fatto capire cosa vuol dire combattere.

Il grazie di Alessia

Il mio grazie è per i cuori buoni: la Ricerca, la Musica e i Libri. La SM è come una prigione. Troviamo e coltiviamo interessi per tenere sano lo spirito.

Il grazie di Vane

Grazie al mio amore per la vita e ai miei due figli, che mi danno ogni giorno la forza di continuare con il sorriso, anche quando il corpo urla di dolore. Grazie al mio cane che é il mio angelo custode.

Il grazie di Fra_fre

Sono pazza se vi dico che, per prima cosa, desidero ringraziare la mia ricaduta di ottobre? Grazie per avermi fatto toccare il fondo, grazie per avermi messa con le spalle al muro, grazie per avermi fatto perdere il controllo dei miei muscoli, grazie per le lacrime. Grazie. Ho capito cosa non fare più, chi ha priorità nella mia vita. Devo imparare ancora tanto e poi metterlo in pratica. Non è poco! Si cresce. Grazie alla mia famiglia: dal fidanzato, alla sorella, passando per i miei e mio figlio: la mia vitamina! Le ricadute non colpiscono solo me, ma tutti loro putroppo! Il mio dolore più grande è questo. Grazie alla mia psicologa che ascolta tante, troppe cose e lei le sa tutte. Eccoli qui i miei grazie!

Il grazie di Televisione 1234

Ciao, il mio grazie va a mio figlio Nikolas, che ogni giorno mi dà la forza di andare avanti e di sorridere alla vita. Un grande dono che mi è stato fatto, un figlio con sindrome di Down, che mi ha insegnato a vedere la vita con occhi diversi e soprattutto ad apprezzarla. Grazie amore mio.

Il grazie di IsabellaR

Io ringrazio il Signore per la forza che mi dà. Sono convinta che è vero che “Dio non assegna una croce più grande di quanto un uomo possa sopportare“. Dal giorno della diagnosi ho iniziato a dare più valore a ogni attimo della mia vita e a dare la priorità alle cose veramente importanti.

Il grazie di Graziella C.

Grazie di cuore alle mie amiche che, un anno fa, mi hanno salvato la vita.

Il grazie di mariacri

Grazie a Dio che é sempre stato la mia forza e ai miei figli che non mi hanno mai abbandonata.

Il grazie di Maria11

Il mio grazie è per mio figlio che ogni giorno mi dà la forza di alzarmi e di affrontare la giornata con il sorriso. Ringrazio tutta la mia famiglia, mio marito, mia mamma, mio papà, mia suocera, i miei cognati e i miei nipoti. un pensiero particolare alla mia nonna Nina che ora mi segue da lassù. Un grazie alle mie amiche. Ringrazio chi mi ha dato questo lavoro che ogni giorno mi stimola ad andare avanti, pensando che comunque sono una donna fortunata con molte persone che mi vogliono bene. Grazie B.I.T. Thanks African people.

Il grazie di Ninnitta

Il mio grazie va al mio più grande amore – mio figlio – che tutti i giorni, nonostante tutto, mi dà la forza e la gioia di vivere. Grazie Matteo!

Il grazie di Sara

Il mio grazie è per i miei figli che mi coccolano nei momenti di sconforto e che mi fanno sorridere.

Il grazie di Alicino

Il mio bambino che ogni giorno mi dà la forza e il coraggio per andare avanti. Mai arrendersi!

Il grazie di Stere

Il mio grazie è all’amore che ho per me stessa, perché nessuna malattia può distruggere il nostro AMORE per la vita stessa.

Il grazie di MARIA L.

Il mio grazie è per te. Dopo anni ci siamo ritrovati e mi hai fatto dimenticare lei. Grazie per il tuo sorriso che mi dai.

Il grazie di silvietta

Io ringrazio me stessa per aver avuto a 20 anni la forza di combattere, di andare avanti nonostante tutto, nonostante la paura del futuro incerto e di una vita “diversa”. Ringrazio me stessa per la forza e la tenacia che dimostro ogni giorno per fare in modo che la mia vita sia normale e per come affronto con una maschera la quotidianità, perchè anche se stai bene le ferite sono sempre aperte e non guariranno mai. Ringrazio me stessa per essere rinata e per non aver mai pensato di mollare, nemmeno per un secondo. Salve, sono Silvia ho 24 anni e sono una persona normale.

Il grazie di Chiccamidwife

Ringrazio Luca (mio marito), Fabio, Danielle, Paola, David, Laura, Maurizio, MRosa, Alice, Gabry e tutti coloro che collaborano ad un grande progetto che tenta di fare in modo che venga tutelato il coniglio da compagnia o nano. Questi 2 anni mi hanno dato tanta amicizia, amore e una grande voglia di vivere! Non mancherò mai di ringraziarli tutti!

Il grazie di Sissi

Grazie a me che sono una guerriera. Grazie a mio marito che, nel bene e nel male, rende la mia vita piena di colori e mi dà la forza di non mollare mai. Grazie anche a voi: l’agenda “Io non sclero” è veramente carina e ce l’ho sempre in borsa… Grazie by Sissi

Il grazie di Boborinho

Il mio grazie va al mondo intero e a me che sono ancora qui a godere di questa splendida vita…Che avventura incredibile! Quando poi tutto sembra insormontabile, allora faccio una pausa e capisco che magari dovrò reinterpretare questa vita, le idee e le incertezze che sono tutte lì, perchè la vita richiede coraggio e passione. Spesso penso a tante persone che ho incontrato e che non ce l’hanno fatta. Penso che a loro piaccia il mio proseguire anche a quelli che erano tanto arrabbiati con la sclerosi multipla. Ho tanto da vivere e il mio traguardo è vivere ogni giorno. La sorpresa è sempre dietro l’angolo, la cerchi, la cogli, la condividi. Spesso tutto è puramente sensoriale: io progetto tante cose e poi una parte si materializza. Dico che questa è magia: il mondo intero, la capacità di essere felice, di dipingere e di viaggiare, di mostrare la tua opinione, di esserci, anche quando il mondo stesso può essere crudele e magnifico. Tante verità da scoprire…Grazie di cuore!

Il grazie di Erifede

Mia moglie è l’unica che mi aiuta veramente in tutto e per tutto. Capisco che non è facile stare accanto a me con la mia disabilità, le mie arabbiature, ma lei è presente. Un grazie anche ai miei bimbi.

Il grazie di Giuppy

Il mio grazie è per i miei figli perchè rallegrano le mie giornate e le riempiono a tal punto con i loro impegni di scuola e con lo sport che mi permettono di non pensare che sono malata, ma che sono una mamma che combatte ogni giorno. A volte un po’ stanca, a volte con un po’ di sprint, ma dimenticando la malattie e combattendo con il sorriso. E se salgo le scale con fatica, mio figlio si gira con i suoi occhioni azzurri e dice: “mamma, hai bisogno di aiuto?”. E la femminuccia scende e dice: “ti do la mano?” E io rispondo ai miei figli: “la mamma ce la fa”. Grazie a chi va piano…Va lontano – si spera. E insieme combattiamo qualcosa più grande di noi perchè non sappiamo quando colpirà. E un grande GRAZIE a mio marito che mi sopporta e mi accompagna in questa avventura alternativa. La mente vorrebbe fare mille cose che il corpo spesso non accompagna, ma cerco sempre di reagire con il mio sorriso.

Il grazie di Coccinella84

Quando ho ricevuto la diagnosi a mio padre è salita la febbre a 40° e mia madre ha pianto disperatamente per giorni interi. Ho capito che avrei dovuto essere forte per loro per vederli ancora sorridere e per farli stare bene. Grazie al vostro amore sto bene e posso continuare a nutrire la mia grande passione per l’arte. L’amore salva.

Il grazie di Sissa

Grazie alla me più vera che, nonostante la mia compagna, riesce a essere e fare. In ginocchio, barcollando, ma mai mollando e sempre con il sorriso, che è e sarà sempre il più bello degli accessori…GRAZIE

Il grazie di Eli

Il mio grazie è per te, mia compagna di vita da 14 anni perché, anche se mi hai dato e tolto molto, mi hai fatto capire che sono forte, fortissima e che merito il meglio. Grazie sclerosi multipla! Elisa

Il grazie di pol71

Grazie a te, Cristina, che non mi abbandoni mai in questi momenti difficili. Sei la luce della mia speranza e la forza del mio domani…! E a voi, figli miei, la vera felicità…!

Il grazie di Alessia_bz

Il mio primo GRAZIE va a me stessa. GRAZIE anche alla SM che, tra alti e bassi, mi ha fatto diventare più forte e Guerriera di prima. Il mio GRAZIE è anche per l’uomo che ho sposato e che nonostante tutte le difficoltà è sempre stato al mio fianco. Un altro GRAZIE va ai miei genitori e a mio fratello. Ma il GRAZIE più importante è quello che va a mia figlia: è la marcia in più di positività! Ciò che non uccide, fortifica – si dice.

Il grazie di Malla

Io dico grazie a me. Sono io che mi do la forza di andare avanti, giorno dopo giorno. Non lascerò che qualcosa mi imponga come vivere. Io voglio vivere al meglio.

Il grazie di Nannini80

Il mio grazie è per mia figlia

Il grazie di Tfosca

Grazie Alessandro per la tua lezione di vita.

Il grazie di Illustre Marchese

Mi chiamo Giulio, ho 33 anni, sono di Bari e da 5 anni sono affetto da SM. Il mio grazie va a Gesù, che mi è stato vicino nei momenti più bui della malattia e ha dato un senso alla mia vita, facendomi prima superare gli ostacoli, fisici e soprattutto mentali, e poi facendomi scoprire il suo amore attraverso gli occhi di mia moglie, dei miei due figli Gabriele e Mattia, dei miei genitori e della comunità parrocchiale, che ha sempre pregato per me. Oggi posso testimoniare che la SM per me è una benedizione. Grazie mio Signore.

Il grazie di Capitani

Il mio GRAZIE è al grande, preparatissimo professor Giancarlo Comi che non molla mai e di conseguenza ti dà la carica per affrontare la SM con più leggerezza

Il grazie di AleLos93

“La mia miglior medicina”: ho voluto incidere questa frase nella fede nuziale di mio marito il 24 maggio 2016, dopo che solo 5 mesi prima avevamo scoperto che avremmo per sempre condiviso la nostra vita con questa scomoda compagna. E lui, di tutta risposta ha scritto nella mia “sceglierei sempre te”. Sì proprio così: lui ha scelto me nonostante tutto e lo rifarebbe altre mille volte. Nonostante io avessi messo tutto in discussione, presa dallo sconforto e dalla rabbia. È grazie a lui se ogni giorno trovo la forza di non arrendermi, di non farmi prendere dallo sconforto o dalla paura. E quando mi risulta difficile, ecco che mi basta guardare dentro la mia fede nuziale e leggere quelle parole per ricordarmi che non sono sola. Che mio marito ha scelto di stare al mio fianco e di combattere con me questa battaglia. E trovo la forza di parlare, di raccontarmi, di vivere alla luce del sole. Tanta gente mi stima e ammira la mia forza, ma dietro c’è ben altro. C’è l’amore di chi mi circonda e di chi non mi tratta con compassione. A mio marito, alla mia famiglia, ai miei amici e alle mie colleghe di lavoro dico GRAZIE, perché date ogni giorno un senso alla mia vita: a questa meravigliosa e imprevedibile Vita.

Il grazie di Ramypulce

Grazie a me! Grazie a chi mi vuole bene! Grazie a chi mi sostiene! Grazie a te, SM, che mi dai la forza tutti i giorni: nel lavoro, nell’amore, nella famiglia e soprattutto nei miei viaggi semplici, ma anche avventurosi. La forza è quella marcia in più che mi dai per affrontare le difficoltà e le delusioni! Ci sono tanti momenti di felicità!!! E la consapevolezza di essere grata di riuscire ad affrontare una sfida nel bene e nel male. La sclerosi multipla è anche la forza di non abbattersi mai!!! La prima cosa spontanea che mi è venuta in mente, 13 anni fa, appena la sclerosi multipla è entrata a far parte di me: ”I am stronger!!!!!” Grazie a voi che mi date la possibilità di condividere la mia gratitudine! Pulce Ramy

Il grazie di Kikka81

Il mio grazie va alla mia famiglia: mamma, papà e mio marito che ogni giorno mi sostengono. E a lui: il mio piccolo ometto che con i suoi sorrisi rende tutto più semplice.

Il grazie di Vale Pixi

La mia vita negli ultimi 4 anni è cambiata molto. Da quando è arrivata la SM ho iniziato a dare valore alle cose vere. Ad apprezzare le cose che prima erano banali o normali. Sono diventata molto più consapevole. Sono maturata. E oggi, all’età di 23 anni, dico GRAZIE soprattutto a Me stessa, alla mia grande forza nel reagire. Al mio sorriso e ai miei grandi sogni che piano piano sto realizzando! Alla mia famiglia e all’uomo che mi sta accanto. E infine, ma non per ultimo, grazie al mio amato dottore che fin dall’inizio mi sta sostenendo e all’enorme comunità di Aism!! Siamo dei guerrieri e non sarà questa patologia a toglierci la voglia di vivere e il sorriso per le piccole e grandi cose!!!

Il grazie di Lilibusa

Immensamente grazie all’uomo della mia vita: Vincenzo.

Il grazie di Marisa85

Il mio grazie va all’amore della mia vita… Mio marito. È grazie a lui se trovo la forza di rialzarmi ogni volta, di non mollare, di non perdere mai il sorriso, di avere ancora voglia di sognare! È il mio angelo sulla terra e non ringrazierò mai abbastanza lassù per avermelo donato!

Il grazie di michelapol

Cucciolo mio GRAZIE!!! Grazie per darmi la forza di affrontare tutto, il coraggio di provare ogni cosa mi venga proposta per stare meglio. Io VOGLIO vederti crescere e starti accanto sempre e tu, inconsciamente, mi aiuti a farlo. Ti ringrazio dal profondo del cuore. Tua per sempre… Mamma

Il grazie di Totta90

Il mio GRAZIE è dedicato a una donna unica, la mia mamma, che nello stesso tempo è anche la mia migliore amica. Grazie mamma, se non ci fossi tu io sarei persa. Grazie mamma che mi dai la forza di combattere ogni giorno. Sei una forza della natura! Ti voglio bene mia salvatrice! La tua topona

Il grazie di Steo81

GRAZIE a mio figlio Samuel. Nato dopo 3 anni dalla diagnosi di “sclerato moltiplicato”. Ora ho un motivo in più per combattere, e il motivo é semplice: un incondizionato, amorevole, semplice sorriso, che tutte le sere mi aspetta una volta varcata la porta di casa. Il grazie va a lui, che in pochi semplici gesti mi ha fatto capire quanto una vita complessa, che sembra avercela con te, ha bisogno di cose semplici e vere per diventare in un attimo la cosa più importante e preziosa. Vi assicuro che non me la lascerò scappare così facilmente! Stefano, 37 anni.

Il grazie di Sarab

GRAZIE a mio figlio, che da 20 mesi mi dà la voglia di vivere, e a mio marito, che ogni giorno mi aiuta sia in casa sia con il bambino, anche se è stanco o non si sente bene, che mi porta le buste della spesa perché sa che non ne ho la forza. Grazie al mio matrimonio, che mi ha aiutato ad accettare la SM e a farmi capire che non potevo piangermi addosso, ma dovevo lottare! Grazie a mia madre e alla mia famiglia, che mi aiuta a gestire il bambino durante il giorno. Se ne prendono cura e lo riempiono d’amore! Grazie agli amici che non mi fanno mai sentire malata e anche a quelli che hanno fatto finta di esserci e poi sono spariti, perché mi hanno fatto capire che la forza per affrontare la malattia non me la danno loro, ma la trovo in me stessa.

Il grazie di Rosaria

Il mio GRAZIE va al solo fatto di essere viva e a tutto ciò che la SM mi ha portato ad affrontare. Lei mi ha insegnato ad apprezzare le più piccole cose, godendo di attimi di piena gioia. Se sono quella che sono è grazie alla mia sclerosi multipla, che mi ha insegnato ad amare la vita in tutte le sue tante sfumature, a lottare e non arrendermi al primo ostacolo. Se mai un giorno dovrò fermarmi, continuerò a pregare Dio di donarmi la pace del cuore, nonostante tutto. Lui è la mia forza.

Il grazie di HellenNemo85

Finalmente, dopo otto anni dalla diagnosi, nell’ultima risonanza si legge: diminuzione di una lesione dell’encefalo. Perciò il primo GRAZIE va a me stessa, per non aver mai mollato e creduto fortemente a tutti i consigli che negli anni mi ha dato la mia neurologa, nella quale ripongo la mia fiducia. Grazie ai miei Genitori e a mio fratello. Grazie a mio cugino. Grazie al mio compagno, per il quale non ho la SM, ma sono una donna alla quale il tempo non basta mai. Grazie ai nuovi amici di Aism, con i quali stiamo portando avanti progetti per spronare i pazienti con SM a praticare sport. Grazie ai maestri di Yoga. Grazie alla mia insegnante di Pole dance e alle mie compagne che mi fanno sentire Normale. Grazie al mio bellissimo cane beagle Nemo che nei giorni più bui è l’unica salvezza. Grazie alla mia datrice di lavoro, che mi ha sempre supportata. Grazie a tutte le amiche e amici che ci sono e ci sono sempre stati. Eh sì, perché l’unica vera prova è questa: ti rendi conto di chi ti vuole bene davvero, nonostante la SM mi abbia resa dolcemente Sclerata, più egoista ma piu determinata e più consapevole delle mie capacità ! Devo solo trovare il tempo per tutto.

Il grazie di Anima nel vento

Il mio grazie va alla mia famiglia, che in questi otto mesi dalla diagnosi mi è stata vicino, ma in particolare sono davvero grata al mio compagno, che dopo pochi mesi di convivenza, alla scoperta della malattia, non mi ha lasciato e si è preso cura di me. Ricordo ancora quanto piangevo per il dolore, mentre lui con amore mi lavava e mi accudiva quando non potevo compiere i gesti quotidiani a causa della disabilità momentanea. La notizia della malattia mi ha sconvolto la vita, ma combatto giorno per giorno e ora che sto meglio mi sento davvero fortunata. GRAZIE Gianfranco, con te vicino non ho paura di affrontare la malattia, perché so che sei sempre pronto a starmi accanto. Come quando avevi perso tutti quei giorni di lavoro in quei lunghi mesi e siamo caduti in crisi economica, ma hai fatto sempre il possibile per non farmi mancare nulla. Quando anche tu piangevi con me e ti sei preso la depressione dal dispiacere per la mia malattia. Adesso posso dire che siamo più forti e i periodi grigi sono diventati colori e questi colori ci stanno colorando il futuro, dove io sto progettando una famiglia. Perché la vita va avanti e la vita quando è in salita è più difficile, ma serve per formare dei veri guerrieri. Quindi grazie anche alla vita, perché mi sento fortunata.

Il grazie di Angy

Il mio grazie va innanzitutto a Dio, che non soltanto mi ha donato la vita, ma anche la forza necessaria per affrontarla e viverla appieno con la SM! In Lui ho trovato la grinta nei momenti bui, la consapevolezza che posso farcela e che devo essere felice! Perchè ho mille motivi per esserlo. Il mio GRAZIE va a mio marito Andrea, che mi ha amata nonostante tutto e continua a scegliermi ogni giorno. GRAZIE alla mia ragione di vita, mia figlia Grace, la mia gioia, il senso delle miei giornate. Una gravidanza con la SM è un’emozione grande, mi ha resa orgogliosa di me stessa, mi ha resa più sicura! Il mio GRAZIE va alla mia famiglia. I miei meravigliosi genitori, che mi sono stati vicino dalla diagnosi a oggi. Le difficoltà non mancano e i momenti difficili nemmeno, ma sono felice e serena perché ho tutto quello che mi serve per esserlo.

Il grazie di Eleonora79

Il mio grazie va nella maniera più assoluta a Giuseppe, mio figlio. L’ho concepito l’anno successivo alla diagnosi e dopo esattamente 2 anni dalla scoperta della malattia è arrivato lui, il mio miracolo, la mia forza. Oggi ha 3 anni e con lui il pensiero della SM si fa sempre meno frequente. Grazie amore di mamma!

Il grazie di Carmina

Il mio grazie lo faccio a me, che con la mia caparbietà e la voglia di combattere ho trovato la forza di tenere testa a questo ospite indesiderato, ma ormai mio compagno di vita da più di 20 anni.

Il grazie di Angela94

Ringrazio la mia famiglia, anche se i loro occhi preoccupati mi spezzano sempre il cuore. Loro mi permettono di non abbattermi e di non aver paura di andare avanti. Dico grazie al mio compagno, che in ogni visita è con me, che per ogni flebo si siede lì al mio fianco e cerca di farmi ridere. Ringrazio il mio cane, perché quando lo sconforto è così forte da crearmi attacchi di panico, mi basta abbracciarlo e con due baci mi riporta alla normalità. Se riesco ad andare avanti è perché sono amata, perché vivo come se nulla fosse, faccio mille lavori e tra due mesi sarò laureata. Sono andata a vivere da sola e ho solo 23 anni, nonostante combatto da quando ne avevo 18 con continue brutte notizie. Per vivere bene bisogna dimenticarla, però quando torna come se nulla fosse, si siede accanto a te e gli anni è come se non fossero mai passati dalla prima volta che successe. Per quanto non abbia dolori, la paura è sempre presente, ma grazie a chi amo e alla forza di volontà tutto può coesistere.

Il grazie di Playvale

Il mio GRAZIE è per i miei tre figli Aurora, Francesco e Mariasole, che mi danno la forza si sorridere ogni giorno nonostante le difficoltá e nonostante questa malattia inaspettata e difficile da combattere. Sono semplicemente la mia vita, la ragione per cui vivo e non ci sono altre parole.

Il grazie di alessia818

Credo che nella vita non si dica mai grazie abbastanza, a se stessi, alla propria forza e al proprio coraggio. Oggi, però, il mio GRAZIE va a mia sorella Valeria, una grande donna e la forza della mia famiglia; a mio padre Pietro, che per me è un grande esempio di guerriero; alla mia cuginetta Anna Littoria, piccolo grande angelo della mia vita, che mi ha salvato da ricadute molto difficili della SM; a mia zia Milena, sempre pronta ad aiutarmi e al piccolo Gennaro Ivan, un terremoto energetico. Da due anni il mio GRAZIE va a Dario, mio compagno di vita, mio fratello di patologia, mio tutto. Nonostante gli affetti, il mio GRAZIE va anche all’Università di Siena, che mi alimenta la mente aiutandomi a studiare a distanza, a tutto il Presidio della facoltà di Economia e a tutte le persone che ogni giorno sono pronte a dare il proprio contributo. La SM non è una patologia facile, ma ci si può convivere. Oggi dopo 4 anni io condivido la mia storia con con chi vuole ascoltarla e con chi ha bisogno di supporto, soprattutto attraverso la mia pagina Facebook “Lächeln sorridi puoi”. Ho capito che, se si è vivi, si deve ringraziare! Alessia

Il grazie di Genai73

Io devo ringraziare mio figlio Daniele, che da 12 anni mi dà ogni giorno la forza di lottare, per me e per Lulù. A luglio 2003, anno della diagnosi, scoprire di aspettarlo è stata per me una risposta bellissima.

 

Your browser is out of date. It has security vulnerabilities and may not display all features on this site and other sites.

Please update your browser using one of modern browsers (Google Chrome, Opera, Firefox, IE 10).

X